Cultura a sgraffi!

Domenica scorsa, approfittando del bel tempo e dei musei gratuiti, abbiamo preso il trenino e con un gruppetto di amici siamo andati a fare un giretto a Milano. Le intenzioni erano disparate: chi proponeva la visita alle Gallerie d’Italia, in piazza della Scala, dove dopo la mostra di Hayez ne è stata allestita un’altra con più di un centinaio di capolavori restaurati; chi avrebbe gradito il Mudec, museo delle culture, dove oltre alla mostra permanente si sarebbe potuta visitare quella di Miró; qualche sconsiderata aveva proposto l’Armani Silos, che sarebbe il museo di Armani o roba del genere; i più prosaici avrebbero optato per una passeggiata sui navigli, con la darsena recuperata, alla fine della quale ci si sarebbe potuti benissimo fermare per una apericena, che come neologismo fa pietà ma come idea non è del tutto malaccio: 10 euro per bibita e buffet illimitato non mi sembrano buttati.

50087-1

Un tempo pensavo che Milano non fosse bella, ma non capivo molto.

Ci siamo accordati per recarci come prima tappa al Castello Sforzesco; lì, in cambio della visita al museo degli strumenti musicali, gli uomini si sono dovuti assoggettare a visitare anche i mobili di arredamento, pur antichi che fossero. Una nostra amica sostiene di avere in casa un tavolo più bello di quello in mostra, del 1927; secondo me anche il mio lo era, ma non ho insistito per non parere uno che se la tira. Mi hanno impedito di entrare nel violino più grande del mondo, cosa della quale mi rammarico; al posto del pane e salame e bicchiere di bianco che avrei gradito per merenda mi è stato consentito solo un bicchiere di succo di mirtillo con brioscina alla nutella.

2689463137_64bec5a02e-560x308

Per strada tanti pregevolissimi esecutori di musica, di tutti i generi, tra i quali spiccava, in piazza Cordusio, una coppia sulla settantina: lui, un pugliese piccoletto rotondetto con occhialini, cappello in testa, giacca e panciotto, cantava delle hit anni sessanta-settanta accompagnato da stagionate basi musicali; lei, facente funzione di valletta, curava la parte di marketing, promuovendo la vendita del CD realizzato dall’attempato artista. Sono stato diffidato dall’acquisto, ma me ne sono pentito perché non si sa mai cosa riservi la vita. Cantare, un pochino so cantare, non si sa mai. Tra l’altro, visitando il museo degli strumenti mi è venuto voglia di comprarmi un mandolino e suonarmelo: potrei accompagnarmi da me.

A Milano la gente è rimasta orfana dell’Expo. Io stesso lo sono, se fosse stato per me l’avrei lasciato ancora almeno per un anno; in mancanza dei padiglioni, comunque, ci si può consolare con le code. Piatto ricco mi ci ficco! Vista la coda all’esterno delle Gallerie d’Italia ci siamo accodati: giusto il tempo di renderci conto che non saremmo mai arrivati alla meta, e di acquistare due utilissimi utensili da un astuto venditore pakistano, ovvero due infila aghi ad un prezzo di saldo, e abbiamo cambiato obiettivo.

Infila-ago-automatico-guidafilo-elder-uso-dispositivo-needle-macchina-da-cucire-pugno-ago-strumento-f1263_jpg_640x640

Ci stavamo dirigendo verso piazza Duomo, con l’intenzione di attraversarla per recarci alla Chiesa di Santa Maria presso San Satiro, all’inizio di Via Torino, per ammirare quel capolavoro che è il finto coro del Bramante, quando sotto la Galleria Vittorio Emanuele ci siamo fermati, attratti da un’altra coda come mosche dal miele od altre sostanze meno nobili.

momenti34a

Non capivamo bene di cosa si trattasse: era forse la fila per la mostra Leonardo in 3D? Strano, non ci risultava fosse gratuita; e infatti non era quella. Era forse per la passerella sopra la medesima Galleria, con panorama annesso? No, anche quella è a pagamento. E allora? Non potevo credere ai miei occhi: decine e decine di ragazzi e ragazze in coda per entrare nella libreria Rizzoli.

Non mi sembrava che regalassero libri; ho pensato che dovesse esserci qualche cantante o attore famoso, o magari un Fabio Volo: finalmente ho visto delle ragazzine uscire dalla libreria, tutte contente perché avevano la loro copia autografata del romanzo Divergent, della scrittrice Veronica Roth. Confesso di non saperne niente; mio figlio mi ha spiegato che è l’autrice di una saga di fantascienza, molto amata dai ragazzi, la qual cosa mi ha rassicurato perché pensavo si trattasse dei soliti vampiri sdolcinati; che devo dirvi, mi hanno fatto tenerezza, i ragazzi non i vampiri.

Una scrittrice dunque alla stregua di una pop star, una nuova J.K.Rowling di Harry Potter; forse i puristi storceranno la bocca, ma meglio fare la coda per lei che per un autografo di un qualsiasi calciatorello, no?

pane-e-salame

p.s.:
c’era bisogno di scrivere questa roba? Non credo. Volevo scrivere di trivelle, e magari lo farò; se non altro per sottolineare che mi sembra un po’ presto per andare al mare, ma questa è un’altra storia. Ah, se qualcuno non sapesse che voglia dire “a sgraffi”, tradurrò che è quando ci si accapiglia per contendersi qualcosa o qualcuno, prendersi a graffi, insomma, a sgraffi dalle mie parti…

 

Annunci

29 pensieri su “Cultura a sgraffi!

    • Confesso che ero un po’ depresso dalla politica e mi e’ venuto un pezzetto leggero leggero… sono anche un po’ depresso perché fino a metà maggio il pane e salame mi e’ vietato! Poi farò le benedette analisi e mi potrò sfogare, non ho dubbi! A parte scherzi, anche passeggiare per le nostre belle città e’ una fortuna di cui forse non sempre ci rendiamo conto… al netto di tutto quello che potrebbe migliorare… un abbraccio!

      Liked by 1 persona

  1. Su Divergent dovrei anch’io chiedere a mia figlia… Non dico che io sia rimasto a Salgari ma questa saga di fantascienza m’era proprio sfuggita. Però ho visto che il film tratto dal libro è disponibile su Netflix: magari prima di leggere il libro mi guardo il film.

    Da noi code simili le fanno alla Feltrinelli dove quasi tutte le settimane c’è uno scrittore o un cantante che autografa copie di libri e cd. Il trucco è che devi comprare il disco o il libro in quella stessa libreria nelle settimane precedenti così da ottenere un pass per metterti in coda e fartelo autografare e magari farti scattare una foto con l’autore… il tutto sotto lo sguardo di body guard che controllano i pass… Altra Libreria No Party! Mia figlia così si è fatta autografare e fare la foto con Marco Mengoni e altri cantanti….

    Liked by 1 persona

  2. sarà la stanchezza della giornata, Giorgio, o una mia ignoranza, ma fammi luce: “Mi hanno impedito di entrare nel violino più grande del mondo”… cioè… nel senso proprio di un violino enorme? dimmi di si, che mi piace troppo quest’idea di infilarmi nella pancia del violino!
    buona serata
    scappo a cena o moio
    bel detto “prendersi a sgraffi”! Qua facciamo a cazzotti per… o ci pigliammo a mazzate per…!

    Liked by 1 persona

    • Cara Dora, capisco la stanchezza, sono giorni che non riesco a dedicarmi a WP e sono rimasto indietro con i tuoi tagli! Ma recupererò, poi ti dirò cosa mi ha impegnato… ah, ah, il violino più grande del mondo… magari lo sapessi! Dentro al castello sforzesco ci sono tanti musei (archeologico, egizio… la pietà Rondanini… etc..) e c’era un grande striscione che invitava ad entrare (proprio dentro!) nel violino più grande del mondo! Ma mi hanno trascinato via, dicendo: E mo’ basta! Però nei prossimi giorni ci andrò da solo, io lavoro ad una ventina di minuti dal centro, farò una pausa pranzo un po’ più lunga e ti racconterò! Buona notte Dora!

      Liked by 1 persona

    • Si!! Ogni tanto non se ne può più… un pò di leggerezza ci vuole. Adesso però quei ragazzi mi hanno messo la curiosità di leggere questo Divergent… dovrò farlo in incognito sul treno, ci metterò intorno una copertina fatta con la carta da pacchi, per mimetizzarlo. Per il disco non ho molti rimpianti… 🙂 per il pane e salame un pò di più, conto di rifarmi al più presto! Ciao Fausta!

      Liked by 1 persona

  3. scusa, ma son rimasta abbagliata dall’ENTRARE NEL VIOLINO PIU GRANDE DEL MONDOOOO?????? wow! visto che non ci sei entrato non sapremo mai com’è! uff!
    ahaha! mi fai scompisciare quando scrivi perchè ci butti dentro delle frasette ironiche che fanno capire quando a volte ti cadono le braccia a terra!
    emh…. e mica la conosco sta scrittrice? boh…. so vecchia evidentemente.,…
    però la foto finale è una cosa cattiva che hai fatto! mo lo voglio!

    Liked by 1 persona

    • La prossima settimana conto di soddisfare la tua (e mia) curiosità a proposito del violinone! Divergent, sentendo unpodimondo anzi sua figlia, sembra sia una brutta copia di Hunger Games, che a sua volta non so di cosa sia la brutta copia. Il pane e salame non è una cattiveria, e’ un obiettivo! 🍞😁 ah, ah, si ogni tanto le braccia mi cascano, ma sono un uomo paziente e le raccolgo! Un abbraccio!

      Liked by 1 persona

      • uh uh! evviva! lo scrivi sul blog dell’esperienza nel mega violino eh!
        emh…. ah boh… manco io conosco hunger games… dici che siam vecchiarelli???
        eheh! vabbe, in alternativa ci son le gallette invece che pane e salame!
        pensa che brutto quando non ci va manco di raccoglierle le braccia! 😀 😀

        Mi piace

    • Buona sera! Spero di tornare presto con qualche raccontino grave e di mettermi in pari con i post che ho perso… ho avuto un momento di ingolfamento tra lavoro e altri impegni… e non ho più il fisico! A presto!

      Mi piace

  4. Pingback: Cultura a mazzi! (I) | L'uomo che avrebbe voluto essere grave

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...