Cambia il vento?

Amiche e amici, innanzitutto permettetemi di complimentarmi con gli odia i cugini milanisti ai quali graziosamente abbiamo concesso questo scudetto, dopo anni di vacche magre. Sono contento per l’allenatore Pioli, un signore, che ha allenato anche l’Inter per qualche mese nel 2016-2017 ma con poca fortuna. Ieri sera ho sentito pochi stanchi strombazzamenti: quanto manca l’entusiasmo di Galliani e Berlusconi!

E invece quante amarezze per quest’ultimo! Non basta esser diventato presidente del Monza, ma ora persino amazzoni miracolate della prima ora come Mariastella Gelmini, la ministra del tunnel di neutrini dal Cern al Gran Sasso, si permettono di criticarlo peraltro per una delle poche cose giuste che gli è scappato di dire, ovvero che se uno vuole che Putin si sieda al tavolo della pace sarebbe meglio non continuare a dargli del pazzo, del criminale o del macellaio come fa il suo coetaneo ma molto meno lucido (ed è tutto dire) presidente degli Stati Uniti.  Quanta ingratitudine a questo mondo!   

Eppure, come avevo suggerito fin dall’inizio, l’unico uomo sulla terra che avrebbe potuto impedire la guerra era lui, se solo fosse stato interpellato. Invece si è lasciato fare alle varie oche giulive Border Linen, Borrell, Stoltenberg (nomen homen), Michel, Guterres, Gentiloni (con rispetto parlando), per non parlare dei nostri ministri per caso che non voglio nemmeno nominare. Lui avrebbe scritturato Zelensky per una qualche fiction su Canale 5 (magari incentrata su una vicenda autobiografica di un uomo che suonava la pianola con l’uccello e si è ritrovato a fare il presidente continuando a ragionare con la medesima appendice) e rievocato con Putin i bei tempi dei lettoni a forma di cuore: un accordo si sarebbe trovato, eccome se si sarebbe trovato.

Mi sembra tuttavia che stia cambiando l’aria: ieri quei pericolosi sovversivi del New York Times hanno posto a Biden una semplice domanda: ma hai idea di quello che stai facendo? Perché la guerra sta costando caruccio, mr. President, e se il tuo obiettivo era quello di rovesciare Putin pare proprio che non stia funzionando. E che gli aiuti al governo ucraino non possono essere illimitati, bisognerà dirglielo perché se no quelli magari si fanno strane idee. Manco a farlo apposta dalla Francia un ministro si è fatto scappare che per l’ingresso dell’Ucraina nella UE ci vorranno 15-20 anni (la Border Linen poverina era pronta a farli entrare in settimana, ed anche il Migliore dei Migliori ha assicurato che appoggerà la richiesta, tanto per far capire quanto ci sta capendo di tutta la faccenda).  E anche la Germania ha detto che per l’ingresso nella UE le condizioni vanno vagliate attentamente. A questo punto un governo ragionevole dovrebbe capire che lo stanno usando e pigliando per i fondelli, e che dietro le grandi pacche sulle spalle lo stanno per far fuori: continuano a dire che negozieranno solo quando i russi se ne andranno ma non credo che questi ne abbiano la minima intenzione, hanno appena messo in linea anche i carriarmati Terminator… sempre un governo ragionevole dovrebbe affrettarsi a negoziare prima che gli chiudano l’accesso al mar Nero, dopo aver perso quello al Mar d’Azov, ma evidentemente non ci tengono molto. Pensano ancora di vincere la guerra? Non è mica l’Eurofestival…

Nel contempo Finlandia e Svezia, partite in tromba per entrare nella Nato, si stanno ponendo il piccolo problema che, finita la neutralità, la Russia gli piazzerà (lo sta già facendo) delle basi atomiche vicino alla frontiera, e si stanno rendendo conto che le prime bombe che eventualmente partiranno saranno per loro. Ma come mai, si sono chiesti, noi non intendiamo mica far mettere basi alla Nato nel nostro territorio! Ah, no? E allora che volete entrare a fare nella Nato, per giocare a carte con Stoltenberg? E noi che ci lamentiamo di Di Maio… l’unica speranza è che Erdogan tenga duro e continui a porre il veto, ma temo invece che in cambio dei curdi, di armi e di soldi alla fine acconsenta. Teniamo d’occhio la faccenda, perché se davvero dovessero barattare i rifugiati curdi in cambio dell’ingresso nella Nato sarebbe una delle più grandi porcate della storia: all’Irak, lo ricordo per chi ha poca memoria, è stata fatta una guerra devastante con false accuse di armi di distruzione di massa e per difendere i poveri curdi gassati da Saddam. Se li bombarda Erdogan invece va bene, o se li tiene in carcere decenni, come Ocalan (tradito da noi, ricordiamo anche questo, e dal governo “amico” di Massimo D’Alema).

Comunque il cielo è blu, il sole è sempre più caldo, non ho il condizionatore quindi non ho nemmeno scrupoli ad accenderlo; per risparmiare acqua mi lavo meno, tanto non devo andare in ufficio; la prossima volta sarò più leggero e vi racconterò dei progressi nei balli popolari, dei quali sono sicuro siete in ansia di conoscere gli sviluppi. A presto!

Onore al merito!

Alla canna del gas

Ieri mi è arrivata la bolletta del gas, periodo gennaio-aprile: l’aumento rispetto allo scorso anno, a parità di consumi, è stato del 47,7%. Quasi il 50%, che mi aspetto verrà abbondantemente superato con la prossima bolletta, dato che si sentiranno anche gli effetti della guerra! Per fortuna il gas a me serve solo per cucinare e per farmi la doccia, ma comunque gli effetti si faranno sentire anche sul riscaldamento perché , pur essendo alimentati dal termovalorizzatore (quello che finalmente sembra si stiano decidendo a costruire anche a Roma) il prezzo che ci viene imposto non è quello del costo dell’incenerimento più un giusto guadagno, ma è indicizzato al costo di gasolio e gas: non è una stupidata?

Gli Usa hanno annunciato uno stanziamento di 40 miliardi di dollari per aiuti all’Ucraina, in gran parte armi: soldi di contribuenti americani sottratti ad utilizzi ben più utili, quando la loro inflazione è vicina al 9%; proprio stamattina la UE per bocca di Borrell ha annunciato altri 500 milioni di aiuti, sempre in armi (mi pento di aver sostenuto questa UE quando c’era chi voleva abbatterla. Sono degli irresponsabili patentati, dalla Border Line a Borrell a Michel a Gentiloni, quello che si alza al G20 quando parla il delegato russo: se devi andare in bagno almeno alza il dito. La UE così non solo non è utile, è dannosa e pericolosa); noi italiani nel nostro piccolo ne abbiamo messi sul piatto 150 milioni, ma non è mica finita qua. Io ritengo tutto questo osceno; chi fin dal primo momento giustificava l’invio di armi dicendo che avrebbe aiutato il raggiungimento della pace mentiva spudoratamente, e fesso chi gli ha creduto: non si sa invece quando e se finirà, e come andrà a finire. Come tanti Tafazzi ci stiamo facendo del male da soli, noi europei dico e noi  italiani in particolare. Miliardi di esportazioni al vento, miliardi da spendere in più per comprare gas e carburante, aumento delle spese militari e tutto questo perché? Per “l’integrità territoriale” dell’Ucraina? Ma se fino a due mesi fa non sapevamo nemmeno dove fosse il Donbass, nonostante ci fosse la guerra da otto anni! L’altro giorno parlavo con una amica della Caritas, che comincia anche lei a non sopportare più la situazione. Tutti gli aiuti si stanno dirottando verso l’Ucraina (e a volte non si sa nemmeno che fine fanno) mentre tutto il resto è stato ridotto drasticamente, persino gli aiuti alle missioni hanno raccolto pochissimi fondi.

E allora adesso devo dirlo, prima che sia vietato: basta con l’Ucraina. Facciamoci i fatti nostri, di italiani, di europei, difendiamo i nostri interessi, che di valori ne sono rimasti pochi. Se l’avessimo fatto da subito tutto sarebbe già finito da due mesi, la situazione sarebbe già stabilizzata, non si rischierebbe la guerra mondiale (atomica) e gli ucraini non avrebbero patito tanti lutti e distruzioni. Come De Benedetti dico: non m’importa chi ha torto e chi ha ragione. Se gli Usa e la Gran Bretagna vogliono fare la guerra la facciano ma non è nostro interesse seguirli su quella strada. Non è chiaro ai “migliori” che ci governano che la guerra la stanno facendo anche a noi?

Adesso vi lascio, amiche e amici. Spero di non tornare più su questo argomento, in realtà sono disgustato e scriverei solo di Olena, Nonna Pina & c. ; questi sono matti, cari miei, e ci stanno portando verso la guerra mondiale, ed il bello è che tanti incoscienti li seguono di buon grado, tutti allineati e coperti dietro ad un anziano cowboy p(erit)atetico e ad un clown dai capelli improbabili. A proposito di quest’ultimo, non credo che la regina Elisabetta non sia andata alle camere perché non riusciva a camminare. E’ perché a parlare con un coglione ne serviva un altro, perché si sa che vanno sempre in due. Adesso vado a fare la doccia, prima che ci stacchino il gas. A presto!

Nel bagno non ho trovato lei. Peccato!

Tre stelle per Olena – 31

«Lei dov’è?»
Gennadi Yagushinsky, assorto nello studio della mappa della zona, sta cercando di determinare i punti migliori dove piazzare l’artiglieria per l’imminente offensiva quando un rumore improvviso lo fa sobbalzare. Istintivamente porta la mano alla fondina della pistola e si volta di scatto, pronto a sparare. Alla vista della persona entrata nella stanza si rilassa, e un accenno di sorriso gli distende le rughe del volto.
«Capitano Smirnova, mi stava facendo prendere un colpo. Come ha fatto ad entrare? No, lasciamo stare, non lo voglio sapere, anche se per colpa sua dovrò punire le sentinelle. Come mai da queste parti, non era in congedo? Se l’hanno richiamata le cose devono andare davvero male… o è una visita di piacere? Le sono mancato?» chiede l’uomo in tono beffardo, invitando l’ospite inatteso a sedersi.
«Gennadi, non fare il cretino. Guardati, sei ancora colonnello e al fronte: a chi hai pestato i piedi stavolta? Non riesci proprio a tenere a freno la lingua. O la moglie di qualche generale si è lamentata dei tuoi… servizi?» lo provoca l’intrusa, rimanendo in piedi.
Il colonnello Yagushinsky, erede di una antica famiglia nobile, quando in Russia c’era ancora la nobiltà, fissa la donna che ha di fronte, con un filo di rimpianto.
«Sei sempre bella, Olena. Ancora non capisco perché non hai voluto sposarmi.»
«Te l’ho detto allora e te lo ripeto, Gennadi: non sei il mio tipo. E poi eravamo entrambi sposati, te ne sei dimenticato? Comunque smettila di tergiversare, non ho molto tempo: lei dov’è?»
Il colonnello, raddrizza le spalle e sistema l’uniforme che cade ancora bene sul corpo atletico, nonostante i sessanta anni suonati e il consumo non episodico di vodka. Corruccia le labbra, e guarda fuori dalla piccola finestra che illumina la stanza.
«Non lo so» risponde laconicamente.
«Non lo sai? Gennadi, non stiamo parlando di un mazzo di chiavi. E’ uno dei tuoi ufficiali, che vuol dire che non lo sai?»
«Vuol dire quello che ho detto, non lo so. E’ scomparsa, se ne è andata.»
«Ma che stai dicendo, scomparsa? Ha disertato? E’ stata catturata?»
«Non proprio Olena, non proprio»
Olena si avvicina all’uomo e gli sibila in faccia:
«Gennadi, parla o ti stacco le palle. Che è successo a Nastya?»
Yagushinsky inspira profondamente, indeciso se rispondere, ma lo sguardo glaciale che si trova davanti lo convince.
«Sembra che sia andata là sotto» dice indicando con un gesto della mano la direzione da cui arriva il rumore attutito di colpi di cannone.
«Là?» ripete Olena, incredula «Dentro l’acciaieria?»
«Sì, nell’acciaieria» risponde il colonnello, abbassando lo sguardo.
«Ma perché avrebbe dovuto andarci? E’ assurdo, perché non l’hai fermata?»
Le labbra di Gennadi si contraggono in una smorfia rassegnata.
«Fermarla, come se fosse facile. Ti ricordi com’eri tu a vent’anni, Olena? Ha preso tutto da te, sai? Gli occhi però sono di suo padre, l’italiano. A proposito, gliel’hai detto finalmente?»
«Non sono affari che ti riguardano» taglia corto Olena, e continua : «E quindi che hai intenzione di fare, hai attivato le ricerche, manderai le squadre speciali?»
«No. Niente da fare, è troppo pericoloso. L’ordine è di sigillare entrate e uscite ed aspettare»
«Cazzo, Gennadi, quindi la lasciate là sotto? Ma si può sapere che pensava di fare, voleva espugnare l’acciaieria da sola?»
Il colonnello fissa Olena negli occhi.
«Sapevi che il ragazzo di tua figlia è ucraino?»
«Che cosa? Ucra…» riesce appena a dire Olena, prima di sedersi tenendosi la testa tra le mani, e chiedere sgomenta «Ha tradito?»
«Per quanto ne sappiamo no, non ha tradito. Solo che sembra che lui sia stato ferito e lei si è messa in testa di tirarlo fuori. Peccato che i suoi compagni non facciano uscire nessuno, e del resto é probabile che lui nemmeno voglia saperne di uscire»
Olena lo guarda, quasi senza comprendere quello che dice. Infine chiede, conoscendo già la risposta:
«Quindi non farete niente per aiutarla, giusto?»
«No Olena, te l’ho detto. E’ stata una sua scelta, non possiamo rischiare altre vite per un colpo di testa. E poi…» inizia a dire Yagushinsky, fermandosi improvvisamente.
«E poi cosa? Cosa avete in mente di fare?»
«Bombe termobariche. Tra qualche ora là ci sarà solo un enorme cratere.»
Olena impiega qualche secondo a realizzare l’enormità di quello che il colonnello sta dicendo.
«E’ deciso?»
«Sì, è deciso»
«Fammi andare là sotto, Gennadi. Puoi fermarli per 48 ore?»
«No, Olena, non posso»
«24 ore Gennadi, dammi almeno 24 ore! Me lo devi!» supplica Olena, stringendo entrambe le mani al colonnello.
Gennadi Yagushinsky guarda la donna che ha davanti, ammirato.
«Non molli mai, vero? Va bene, del resto ti devo ancora un favore, ammesso che questo sia un favore. Vada per 24 ore, non un minuto di più.»
Olena sorride, riconoscente.
«Mi devi ben più di un favore, Gennadi. Ti ho salvato la vita almeno tre volte… » poi, scuotendo la testa, chiede al suo vecchio compagno:
«Come è successo tutto questo, Gennadi? Eravamo tutti sovietici, comunisti, eravamo fratelli!»
«Sovietici forse, comunisti evidentemente non molto. Di che ti meravigli, è dai tempi di Caino e Abele che i fratelli si ammazzano.»
«Non sei stanco di tutto questo? Ancora morti, e perché? Per far sventolare bandiere di colore diverso, quando la gente vorrebbe solo vivere in pace»
«Stai diventando sentimentale, cara mia. Te lo dicevo che era uno sbaglio tenere la bambina… Sono un soldato, tu più di tutti dovresti saperlo. Combatto per il mio paese, giusto o sbagliato che sia, comunque non sta a me giudicare le scelte politiche. Sono un professionista, è il mio mestiere e cerco di farlo meglio che posso. Non ci tengo a finire i miei giorni rincoglionito in un ospizio, meglio morire finché sono vivo.»
«E tu invece sei diventato cinico, Gennadi» constata Olena con amarezza.
«Disilluso, forse… ti ricordi quando credevamo che il mondo potesse cambiare? Questo è quello che è rimasto» dice il soldato, mostrando le macerie con un gesto stanco.
«Gennadi, dimmi una cosa. Almeno vinceremo?»
«Ascolta bene quello che ti dico Olena: qua nessuno vincerà. Nessuno.»

What a great idea!

Amiche e amici, stavo sprofondando nella depressione più profonda quando il pirotecnico premier inglese ha lanciato l’ideona: deportare gli immigrati clandestini in Ruanda! Al modico costo di 120 milioni di sterline si toglie dai piedi una decina di migliaia di richiedenti asilo, che dice gli costano sui 5 milioni al giorno in alberghi e gozzoviglie come mangiare e bere. Il Ruanda, la cui accoglienza è proverbiale nell’universo creato, è ben lieto di ricevere gli ospiti forzati, e sostiene che userà i soldi ricevuti per far star meglio sia autoctoni che immigrati. Che afflato umanitario e altruistico! Gli altri paesi si stanno mordendo i gomiti, perché non ci hanno pensato prima? Anche se, a rifletterci, non è poi tanto diverso da quanto facciamo noi con la Libia, con la differenza che la Libia è più vicina e gli immigrati vengono fermati prima di partire. Forse a questi poveretti converrebbe essere mandati in Ruanda, piuttosto che nelle galere, pardon, nei centri di detenzione libici.

La guerra in Ucraina va avanti; ha voglia il Papa a sgolarsi che non è con le armi che si arriva alla pace, ma figurarsi se tra questi cristianoni che governano, sempre pronti a battersi il petto a favore di telecamera, ci sia qualcuno che gli dia retta. Qualche timido belato di protesta contro le decisioni americane di fomentare ancora di più la guerra inizia a levarsi, dalla Francia soprattutto (anche perché ci sono le elezioni), ma non certo dalle nostre parti. Anzi, noi per sostituire il gas russo stiamo prendendo accordi persino con Al-Sisi, insomma per Giulio Regeni i migliori non chiedono più la verità, ma il gas. Pecunia non olet, diceva quel tale. Nel frattempo sempre i migliori, dopo due anni di Covid (che non è ancora finito, e sta ancora facendo ogni giorno solo in Italia più morti della guerra) non hanno trovato di meglio che ridurre, in percentuale sul bilancio, le spese sanitarie. Ma ci sono o ci fanno? Mentre addirittura il concorso per medici di famiglia qua in zona è andato deserto, per mancanza di candidati. Con questi difensori della salute è meglio cercare di non ammalarsi…

L’altra sera all’Eredità hanno fatto domanda, sulla ricerca di non so che Istituto che ha studiato quale attività da fare prima di andare a letto impedisse di russare (a proposito: si può ancora dire russare? Non bisognerà dire ucrainare? E l’insalata russa è ancora russa?) e la sorprendente risposta è stata: cantare. Cioè, secondo questi ricercatori, che avranno passato giorni se non mesi e forse anni a studiare il fenomeno, se si canta prima di coricarsi non si russa perché si liberano le vie aeree. Mia moglie smentisce categoricamente questa ricerca e anzi sostiene che dopo che torno dalle prove del coro russo (o ucraino) come un mantice. Non posso smentirla perché a meno che la sua sia pura invidia del fatto che dormo come un angioletto ogni tanto sento qualche gomitata a tradimento che mi sveglia. La nonviolenta! Siamo anche andati alla marcia per la Pace, quindici giorni fa, e probabilmente andremo anche alla prossima Perugia-Assisi, non so che effetto sortirà ma se non altro servirà a smaltire le mangiate pasquali. Mi accusano di essere cinico, a me pare di essere tristemente realista, e spero naturalmente di sbagliarmi.

 Mio figlio dice che dobbiamo smetterla di pensare sempre alle cose brutte, e per dimostrare il suo ottimismo sta cercando una casa per andarsene finalmente a vivere da solo. Io alla sua età l’avevo già fatto da dieci anni e mi ero pure sposato, forse erano altri tempi. Comunque abbiamo iniziato a vedere delle case, anche perché ai “ragazzi” sotto ai 36 anni vengono fatte delle buone offerte per quanto riguarda i mutui, i tassi sono abbastanza favorevoli e una parte del prestito (o anche tutto, per i redditi Isee sotto i 40.000 euro) è garantito dallo Stato. Finora quello che ho registrato è: i bilocali costano un occhio della testa e sono perlopiù dei loculi; gli affari si fanno con le case vecchie, ma i costi di gestione poi sono alle stelle; gli affitti costano più dei mutui. In più la guerra e l’insicurezza sta spingendo chi ha due soldi da parte a buttarli come sempre sul mattone, per cui si sta creando una vera e propria bolla. Tra l’altro, non pensavo che ci fossero così tante immobiliari, sono tantissime. Alla fine sto meditando se lasciargli la nostra di casa, e andarcene via noi, magari al mare, non sarebbe una buona idea?

Amiche e amici, con questa vi saluto e auguro a tutti una serena Pasqua; tra i miei propositi, tra una cantata e una russata, ci sono quelli di spegnere la TV, mangiare e bere in compagnia, fare qualche passeggiata ed imbiancare il bagno ma quest’ultimo difficilmente lo realizzerò.

Fate l’amore, e non la guerra!

Le uniche bombe che ci piacciono

Odette è morta

Ieri sera al teatro Sociale di Como la compagnia del Balletto Classico Ucraino avrebbe dovuto rappresentare il celeberrimo “Il lago dei cigni”, capolavoro di Piotr Ilic Ciajkovskij, un’opera rappresentata in tutto il mondo da tutte le compagnie del mondo. Per un profano come me, dire ballo vuol dire Lago dei Cigni (o al massimo, Lo Schiaccianoci, sempre di Ciajkovskij) ma c’è un problema: Ciakovskij, morto nel 1893, era russo. Per la verità anche gli ucraini in maggior parte erano russi, ma questo è un dettaglio.

Gli artisti quindi hanno deciso di non rappresentare l’opera ma di eseguire Giselle, bel balletto per carità, tra l’altro pezzo forte di Carla Fracci. Sarebbe stato meglio un balletto di un autore ucraino, chissà come mai non ci hanno pensato.

La giustificazione della manager ucraina è stata la seguente (la riporto pari pari dal giornale locale):

«La situazione che si è creata è, per noi, molto dolorosa. Siamo stati costretti, nostro malgrado, a non rappresentare, nel vostro Teatro Sociale, “Il lago dei cigni” di Čajkovskij, sostituendolo con “Giselle”. Noi diciamo sempre che la danza non ha confini e che l’arte e la cultura non c’entrano con la guerra, ma in questo caso, benché possa sembrare assurdo, purtroppo c’entrano, eccome».

Poiché tra gli organizzatori della manifestazione c’era la Caritas chiedo a loro se questo sia il modo di favorire la pace, strumentalizzando perfino gli artisti e l’arte che dovrebbero invece essere ponti per la pace. Se questo è il modo di seguire le indicazioni di Papa Francesco! Sono comunque sollevato perché ero stato invitato ma per fortuna avevo altri impegni, altrimenti mi sarei alzato e avrei chiesto il rimborso del biglietto.

Oggi sentivo alla radio che il ministro degli esteri ucraino a Bruxelles ha chiesto alla UE, chiamandoli(ci) alleati, solo tre cose: armi, armi, armi. Perché è così che si arriverà prima alla pace.

Io comincio a sentire parecchia insofferenza tra amici e conoscenti verso questo atteggiamento, al di là della umana pietà verso la gente che soffre. Non si coglie una vera volontà di fare la pace, ma anzi quella di portare le cose all’estremo, verso la catastrofe finale. Il TG è ormai diventato Tele-Kiev, non si riesce più a guardare ed anche qui ormai si genera ripulsa. Vogliono abituarci alla guerra mondiale?

Io credo che cominci a diventare urgente, se davvero si vuol continuare a mandare armi, studiare il diritto di guerra (anche la guerra ha delle regole, anche se pare strano: ad esempio quando vedete un palazzo sventrato viene naturale pensare alla crudeltà ma bisogna chiedersi se ci fossero dentro dei militari che sparavano, ad esempio, o peggio dei civili_ dico peggio perché i civili combattenti hanno meno tutele dei militari, e per avere un trattamento almeno simile a quello dei militari in caso di cattura devono rispettare delle regole precise, non importa se si difendano o attacchino; insomma non si può pigliare il fucile e sparare dalla finestra a casaccio, bisogna essere riconoscibili e inquadrati in qualche formazione_ ; bisogna chiedersi se quelli che sparavano dal palazzo hanno fatto prima allontanare i civili che ci abitavano o li hanno usati come scudi _ anche questo sarebbe un crimine di guerra_ preciso che sono solo esempi, senza nessun riferimento all’attualità di cui NON sappiamo niente perché le informazioni arrivano solo da una parte) perché fino ad un certo punto mandare armi è ammesso, e solo certi tipi: ma manda e rimanda, è un attimo che ci si trova una bomba atomica nel giardino.

E intanto il mago Rothbart se la ride…

S come Sorro

Amiche e amici, finalmente dopo tre mesi di siccità è arrivata un po’ di pioggia! Tutto merito dei migliori, sono finiti i tempi oscuri in cui la plebe malmostosa masticava tra i denti ”piove, governo ladro”, ora ci si genuflette all’unanimità ringraziando con un sentito “piove, governo Draghi”.

A voler essere pignoli da queste parti ogni volta che arriva il luna park inizia a piovere; e anche quest’anno, puntualissimo, appena i giostrai hanno piazzato i loro camion, roulotte e montato i giochi, Giove pluvio li ha accolti con l’acqua benaugurante. Dopo due anni di astinenza quest’anno la grande piazza d’armi che li ospita, a pochi passi da dove abito, si è riempita all’inverosimile: spero davvero che riescano a guadagnare qualcosa, purtroppo io non avendo più bambini piccoli o nipotini potrò contribuire poco. Però con la generosità che mi contraddistingue ho proposto di ospitare due o tre profughe ma devo dire che non tutta la famiglia ha risposto positivamente, sospettando secondi fini che hanno seriamente ferito il mio animo sensibile.

A proposito di Draghi, l’altro giorno si è recato a Napoli dove ha scoperto la questione meridionale ed ha promesso di metterci mano; una emorroissa gli ha toccato il sacro manto ed è stata risanata; naturalmente ha assistito ad un concerto in favore degli ucraini; è stato duramente contestato dai disoccupati che gli chiedevano conto dell’aumento delle spese militari e del taglio ventilato o addirittura dell’abolizione del reddito di cittadinanza, ma di questo sui TG nazionali non è passato niente, e poi il regime sarebbe in Russia.

Ha anche chiamato Putin per informarlo che la richiesta del pagamento in rubli del gas che ci viene copiosamente fornito viola i contratti in essere; pare che Putin dopo aver chiesto alla centralinista “Draghi chi?” lo abbia rassicurato sull’andamento della guerra e di non preoccuparsi, che a pagare e morire c’è sempre tempo; e sulle insistenze del nostro premier abbia infine risposto “se non ti sta bene fammi causa”. Il ministro dell’energia dice che non dobbiamo preoccuparci perché siamo in grado di sostituire in breve tempo gli approvvigionamenti. Prepariamo i cappotti…

Siamo fuori dall’emergenza Covid, ma del resto come profetizzava Checco Zalone a Sanremo ormai i virologi non li calcolava più nessuno: non è che sia proprio sparito il virus ma finalmente si è smesso di parlarne. Da ieri docenti non vaccinati sono potuti tornare a scuola ma non si sa bene a fare che, dato che non possono insegnare: ditemi voi se non è una stupidaggine grossa come una casa. Siamo un paese che ha impedito di lavorare a delle persone sane e le ha messe ai margini della società, ma il dittatore è Putin…

A proposito di dittatori, la mediazione tra Russia e Ucraina è stata affidata a Erdogan, che saggiamente si è rifiutato di aderire alle sanzioni (“se bruciamo tutti i ponti poi chi ci sarà a parlare di pace?” _ ha detto ragionevolmente_). Quindi l’occidente si è messo ancora una volta nelle mani del sultano, che giustamente a suo tempo chiederà il conto. Lo stesso occidente, tra cui noi, che continua a mandare armi (l’avvinazzato premier inglese l’altro giorno ha detto che 35 paesi stanno mandando armi in Ucraina: armi che non si sa nemmeno che fine facciano, l’altro giorno è stato abbattuto un elicottero ucraino con un razzo Stinger americano…)  Che questo sia un modo di volere la pace mi riesce abbastanza difficile da credere. Si assiste ad una corsa agli armamenti, addirittura la Germania annuncia un programma di 100 miliardi di euro (quando il budget della Russia è di 70 miliardi): dovremmo preoccuparci del riarmo dei tedeschi, da quelle parti non è mai venuto niente di buono. L’altro giorno L’Avvenire (forse l’unico giornale che si possa ancora leggere di questi tempi) in un articolo diceva che l’Europa già ora spende 300 miliardi di euro l’anno per la difesa (esclusa la UK, più del quadruplo di quanto spende la Russia… per non parlare degli Usa, che di miliardi ne spendono 700 e Biden ha proposto di portarli addirittura a 800 (proposta che verrà sicuramente accolta, mentre di allargare l’assistenza medica non se ne parla: questo è il faro di civiltà che ci guida).

La Germania ha deciso di mettere fuori legge la Z, che è la lettera dipinta sui carrarmati russi. Sarà vietato anche trasmettere i film di Zorro? Pare poi che in solidarietà con gli ucraini i bambini veneti non verranno più chiamati putèi, ma zelèi.

Ma finiamo con cose belle: lo scorso weekend ci sono state le aperture FAI di primavera, ho visto dei bellissimi posti e ve ne racconterò a parte. Suggerisco solo di tenere d’occhio Asso, dove una associazione locale propone delle belle mangiate nella piazza del mercato (polenta e salamelle, polenza e zola, rustisciada con polenta…).

Stasera sarò a Milano, al teatro Strehler, a vedere Il Purgatorio: vi racconterò anche di questo, sempre che riesca a rimanere sveglio tutto il tempo.

A presto!

Adottiamo una gallina ovaiola!

Amiche e amici, oggi affronterò un problema drammatico, che richiede risposte urgenti e risolutive. I media oscurano la notizia perché finanziati dalle lobby dell’uovo, ma le cifre parlano chiaro: in Italia vivono ben 39 milioni di galline ovaiole, delle quali solo il 10% allevate all’aperto, il resto negli allevamenti industriali dove vengono talvolta tenute in condizioni degradanti, delle vere e proprie prigioni per polli. Per fortuna una direttiva UE impone la chiusura delle gabbie entro il 2027: che fine faranno tutte quelle galline? Se si lasciassero libere morirebbero in poco tempo, non essendo abituate a procacciarsi il necessario per vivere, ed ecco allora l’ideona: perché non adottare una o più galline ovaiole? Riempiamo giardini e cortili condominiali, ma perché no anche balconi, con questi simpatici ed utili animaletti, a torto ritenuti poco intelligenti.

Mia suocera, di origine contadina, a testimonianza della falsità delle dicerie che girano su queste pennute racconta che sua madre aveva insegnato alle sue galline a salire una scala a pioli per andare a dormire sui rami di un albero, in modo da non cadere vittime di predatori  a quattro ma più spesso a due zampe. Che arguzia!

A proposito di polli, ricordo che mio figlio quando era piccolo chiamava il mio paese natale “il paese dei polli duri” perché mia madre si riforniva di polli ruspanti da fare arrosto, e la differenza con quelli frolli di supermercato a cui era abituato era notevole. Purtroppo ormai anche dalle mie parti si fa fatica a trovare dei buoni polli…

Chi possiede un cane (e ormai in Italia sono tantissimi, ci sono più cani che bambini, e si nota dalla quantità di cacca sui marciapiedi) lo sa: se un cane mostra i denti non bisogna andare a dargli fastidio. Mio fratello aveva un dobermann, buonissimo diceva lui, però a mio figlio mostrava i denti, e quando c’eravamo noi lo facevamo rinchiudere (il cane): e abbiamo fatto bene, perché dopo poco tempo l’ha dovuto abbattere perché stava impazzendo, come spesso accade a quel tipo di cani.

Oggi il presidente ucraino parlerà in videoconferenza al parlamento italiano. Cosa vuole, cosa spera quel guitto da noi? Che dichiariamo guerra alla Russia? Mi ricorda quelle teppe che a scuola spintonavano il bambino più grosso, e poi quando questo stufo si ribellava e gli rifilava uno sganassone andavano a piangere dalla maestra. A questo punto il suo popolo, che dice tanto di amare, l’ha portato lui e il suo predecessore, con anni di provocazioni: e i suoi compari sono stati la Nato, gli Usa e la UE, con l’Onu a dir poco distratta, tutti impegnati nei loro giochetti geopolitici assurdi. Ora chiede un incontro con Putin, ma per discutere di che? E’ ovvio che se incontro ci sarà dovrà essere preparato dalle diplomazie, se ancora ci sono, che dovranno definire l’accordo che dovrà essere solo firmato dai due presidenti, chiunque essi siano a quel punto. Intanto la gente muore e scappa, come in tutte le guerre, ma onestamente dare la colpa tutta ad una parte mi sembra quantomeno parziale.

Come patetico mi sembra Biden (aridatece Trump…) quando dà del criminale di guerra al presidente russo: loro che da vent’anni perseguitano Julian Assange proprio perché con wikileaks aveva fatto emergere i crimini di guerra perpetrati in Afghanistan e in Iraq e lo spionaggio fatto contro i loro stessi alleati; e lo accusa di stare per usare l’arma chimica, loro che in Ucraina avevano impiantato laboratori proprio per lo sviluppo di armi chimiche e batteriologiche, dunque le conoscono bene… come dice il proverbio: chi prima la sente dal culo gli pende o per restare in tema, la gallina che canta ha fatto l’uovo.

La nostra “informazione” stigmatizza la crudele repressione dei dissidenti (in Russia). Ma scusate, in quale paese in guerra si tollerano dissenzienti? In Ucraina, tanto per dire, sono stati messi fuori legge i partiti “filorussi”, ovvero tutti i partiti di opposizione. Ci indigniamo per gli arresti in Russia, ma quando qua veniva bastonata la gente solo perché non voleva vaccinarsi abbiamo detto bah? La polizia ha bastonato persino gli studenti che protestavano per l’alternativa scuola –lavoro che ha causato la morte di un loro compagno, ma di che parliamo? Gli operai vengono bastonati in continuazione, e manifestano solo per i loro diritti. Di Genova ci siamo già dimenticati?

Il mio pesce rosso quando tornavo a casa mi riconosceva e saltava nella sua bolla per salutarmi: ma ormai la gente non ha più nemmeno la memoria di un pesce rosso, la storia non esiste più, esiste solo la melma maleodorante che gli viene propinata dai social e dai media a reti unificate. E allora sapete che vi dico: ve la meritereste una bella guerra nucleare. Io ho più di sessant’anni, per me, oramai… quello che dovevo fare l’ho fatto. Ah, ricordatevi di chiudere le finestre.

A presto, forse…

Anche se come bomba preferirei questa

Olena à Paris – 28

Gilda, con indosso una tuta di cotone organico di color rosa antico, dopo aver compiuto due volte il periplo del parco di villa Rana come riscaldamento, raggiunta la collinetta degli eroi così chiamata in quanto vi sono sepolti i resti dei portalettere che hanno avuto la sfortuna di avventurarsi nel boschetto sottostante ai tempi in cui era abitato da una tribù di pigmei antropofagi, si ferma un attimo per riprendere fiato con le mani ai fianchi, flettendo in avanti il busto che l’ha resa famosa come Calva Tettuta, ma il battito di mani dell’esperto istruttore la richiama subito all’ordine.
«Pausa, generale, non ce la faccio più, non sono più una ragazzina!» chiede comprensione Gilda, con un pizzico di civetteria.
«Pausa non buona, laffledda muscoli. Il movimento non deve essere intellotto di colpo, deve fluile a valle come acqua di solgente che scolle velso il male»
«Se non mi siedo un attimo un colpo prenderà a me, generale Po» protesta la vedova Rana. «E poi oggi non sono dell’umore adatto»
«Capisco, la peldita della vecchia signola ha colpito molto tutti quanti. Facciamo cinque minuti di pausa» concede il cinese.
«In realtà, Po, non è tanto quello che mi preoccupa. Non vorrei sembrare cinica, se è questa la parola giusta, ma in fondo aveva più di cento anni, da quanto sappiamo è morta senza soffrire, quanto voleva campare ancora? Io ci metterei la firma»
«Allola cosa la cluccia, signora?» chiede l’ultraottuagenario Po, toccandosi gli attributi senza darlo a vedere.
«Po, ho bisogno di un tuo consiglio»
«Se posso, signola, glielo dalò volentieli. Devo pelò avveltilla che se si tlatta di questioni di cuole sono un po’ allugginito. Ligualda il glande uomo del Nold?» chiede l’antico combattente, riferendosi all’amante norreno di Gilda.
«Il glan… no, non si tratta di Svengard. Povera stella, a lui basta dargli qualche albero da tagliare e una bella cavalcata di notte ed è a posto. Un paio di volte l’ho sorpreso mentre leggeva un libro di nascosto e mi sono preoccupata, ma poi quando ho visto che si trattava di fiabe islandesi mi sono tranquillizzata»
«Allola cosa la angustia, signola?»
«Po, mi hanno offerto una piccola fortuna per vendere l’azienda. Non l’ho fatto, non so se più per tigna che per razionalità. La responsabilità di tutte queste persone pesa sulle mie spalle… e se avessi sbagliato? Se dovesse andar male, e questa gente perdesse il lavoro per una mia impuntatura? A volte penso di non essere all’altezza, io non ho il pelo sullo stomaco come Biscuit, o come l’aveva Evaristo… ogni giorno sembra di essere in guerra, ma io non sono tagliata per questo… Po, che devo fare?» chiede la vedova Rana, preoccupata.
Il cinese Po, l’ultima delle guardie del corpo dell’ultimo Imperatore cinese, raddrizza le spalle e scruta l’orizzonte, come cercarvi un lontano passato.
«Si può perdere tutto, ma non si deve perdere l’onore. L’onore è quello che conta. Io avrei potuto abbandonare l’Imperatore al suo destino, come hanno fatto in tanti, nessuno avrebbe potuto biasimarmi. Ma chi sarebbe stato quell’uomo che ogni giorno avrei guardato allo specchio? Un vile, un traditore, un opportunista. Lei non ha bisogno di pelo sullo stomaco, il suo pelo è al posto giusto… io non credo affatto che lei non sia tagliata per la battaglia, signora. Lei è una donna speciale ed una brava imprenditrice. Qual’è la donna che vuol vedere quando si specchia?»
«Po, ma tu hai pronunciato le erre!» constata Gilda, sorpresa.
«Quali elle?» chiede Po, sopreso a sua volta.
Gilda rimane assorta qualche secondo, poi alza il mento, fiera.
«Grazie, Po, anche se non ho afferrato tutto, le tue parole mi hanno rincuorato. Tutto quello che ho l’ho guadagnato con anni di lavoro duro e non lo lascerò in mano a degli squali senza combattere.»
«Bene» dice Po, con un sorriso di compiacimento «Allola liprendiamo allenamento. Pausa finita»

«E’ incredibile…»
James, arrivato a Buenos Aires dopo un volo di tredici ore con l’Air Force Rana e di altre quattro con un elitaxi, senza nemmeno un attimo per riposarsi è stato portato immediatamente nel magazzino del deposito di Tres Lomas. Alla vista del contenuto della decina di casse che Olena ha aperto per fargliele visionare, rimane a bocca aperta.
«Allora, cuosa tu dice?» lo incalza la russa.
«Un attimo, per la miseria, fammi riprendere fiato!» protesta James, ancora incredulo.
Gira qualche minuto intorno ai quadri, si avvicina per esaminarli meglio, scuotendo la testa… «Impossibile…» dice tra sé e sé.
«Cuosa impossibile?» chiede Olena, impaziente.
James reprime l’istinto di dare una rispostaccia, si avvicina ad uno dei quadri ed inizia a spiegare.
«Natascia, io non sono un critico d’arte, ma se questi quadri sono quello che sembrano, non dovrebbero essere qui…»
«Perché tu dice questo?» lo interroga la siberiana.
«Perché si tratta di quadri spariti durante la seconda guerra mondiale, che erano considerati perduti, distrutti dai bombardamenti o trafugati dai tedeschi e finiti in qualche caveau in Svizzera o magari nella stessa Germania, o in Unione Sovietica dopo la caduta del Reich… senza offesa, naturalmente» precisa James, vedendo l’angolo sinistro della bocca di Olena corrucciarsi, come sempre quando si parla di Unione Sovietica. «Se fossero autentici staremmo parlando di valore inestimabile, vedi quello? E’ un Raffello, “Ritratto di giovane uomo”, si trovava a Cracovia, fu confiscato dai tedeschi e non se ne seppe più nulla… e quello un Caravaggio, “Ritratto di una cortigiana”, lo si credeva bruciato nell’incendio della Flakturm Friedrichshain, a Berlino, poco dopo la fine della guerra… e quello è un Van Gogh, quell’altro un Cezanne…»
James prende fiato e si asciuga il sudore con la pochette in seta stampata con una fantasia di amorini, poi continua:
«Natascia, mi pare che questa faccenda sia un po’ troppo grande per noi. Questo è un patrimonio dell’umanità, dobbiamo farlo studiare, stimare, dobbiamo avvisare le autorità…»
Olena ferma James e lo fissa con uno sguardo che non ammette repliche:
«Niet autorità. Io, sono l’autorità»

Cronachette dalla zona rossa (IV)

9 novembre

Questo tempo è proprio dispettoso, da quando siamo stati messi in zona rossa sta facendo delle giornate bellissime che invogliano alla trasgressione ed alla promiscuità: se almeno piovesse o facesse freddo si resisterebbe meglio alle tentazioni ma sul balcone esposto al sole il termometro segna 31 gradi, come si fa? A proposito di balcone, è ricomparsa la cavalletta senza una zampa: ma c’è una specie di cavallette fatta così? Non può essere la stessa ogni anno, quanto campa una cavalletta?

Ieri un mio ex-commilitone napoletano, eccellente musicista, postava su FB una foto con gruppi di ragazzi sciamanti, prevedendo che da lì a poco sarebbero stati chiusi anche loro, e poi in tanti si sarebbero lamentati di rimanere senza mangiare… non bisogna essere Nostradamus amico mio, se ci sono individui che non sono capaci di usare la testa è ovvio che poi la pagano tutti o meglio la pagano i più deboli, perché chi sta bene se ne frega di rimanere chiuso in casa. Ma a certa gente è più facile metterlo in tel cü che in tel cò, come dice mia suocera…

Come quelli che da Rimini vanno al ristorante a San Marino, soggetti ripresi ieri dal tg come se fosse la cosa più normale del mondo; siccome lì chiudono alle 24 noi andiamo, in otto, e allora? Mi ricordano quelli che, quando era stata fatta la chiusura dei bar alle 19, hanno fatto spallucce ed hanno solo anticipato l’aperitivo di un’ora. Ma quanto ci vuole a capire che è il comportamento da non tenere e non l’orario in cui lo si tiene? Comunque mi chiedo: da Rimini a San Marino c’è una strada sola, possibile che non c’era una pattuglia per controllare quelli in giro dopo le 22, dato che quell’orario vale anche per i riminesi? E poi, non che glielo auguri sia chiaro, ma se si impestano anche i sanmarinesi dove vanno a curarsi, negli ospedali italiani oppure in quelli loro? No, così, per saperlo…

Il mio fratellino è ancora in quarantena, e sono ormai 28 giorni; sta bene ma anche il terzo tampone è positivo, fortunatamente moglie e figli non lo sono e sono potuti uscire. Sembra che tra poco, non avendo sintomi da più di tre settimane, possa uscire anche lui (con qualche limitazione): ma non sarà pericoloso (per gli altri, dico?). Da parte sua si sta consolando abbastanza bene, ieri mi ha mandato foto di vincisgrassi e tiramisù, non vorrei che si abituasse troppo allo stare in cattività…

Salvini ha detto che a sconfiggere Trump non è stato Biden ma il virus. Forse non ha tutti i torti, fatto sta però che il virus c’era e far finta di niente non è che aiutasse molto. Anche se, a rifletterci bene, noi ci scandalizziamo per i loro 100.000 contagi al giorno, ma in proporzione sono molti di più i nostri 35.000, vuoi vedere che aveva ragione lui?  

Ho dichiarato fin dalla presentazione di questo blog che non avrei fatto recensioni di libri, tuttavia ne ho appena finito uno che credo meriti attenzione, si tratta di “Chi ha paura dell’Uomo Nero?”, un romanzo autobiografico di Graziella Fiorentin, che nel ’43 è dovuta scappare dalla sua casa in Istria per andare profuga a Chioggia dove la sua famiglia ha dovuto anche affrontare l’ostilità degli “italiani” verso gli sfollati. Una pagina di storia, quella degli italiani profughi dall’Istria e Dalmazia,  prima dimenticata e poi strumentalizzata, sempre per motivi politici. Dopo l’8 settembre al disfacimento dell’esercito italiano gli istriani sono rimasti in balìa dei tedeschi che non erano certo bendisposti verso gli italiani e degli slavi che spinti da odio politico e razziale hanno operato una pulizia etnica (vizio che non hanno mai perso da quelle parti), costretti a scappare (chi ha potuto) portando dietro solo l’indispensabile, e accolti in “patria” con diffidenza e sospetto, oltre a dover affrontare anche le bombe dei “liberatori”.

Amiche e amici, vado a prendere un po’ di sole sul balcone, finché almeno quello si può… a domani!

Ottimismo, per carità!

“Gianni, l’ottimismo è il profumo della vita!” proclamava Tonino Guerra, poeta, scrittore e sceneggiatore nonché pittore, in una nota réclame per una catena di elettrodomestici; e ne aveva ben donde, dall’alto della sua lunga vita che l’aveva visto attraversare la seconda guerra mondiale ed essere sopravvissuto all’internamento in Germania nel ‘44.

A proposito di Tonino Guerra, nel mio giretto in Russia mi sorprese molto (ma per mia ignoranza) trovare a Suzdal, nel bel monastero dalle mura rosse che ospita tra l’altro un museo che ricorda gli italiani che vennero lì internati dopo la battaglia del Don, una stanza dedicata proprio al nostro Guerra, che all’Unione Sovietica e a quel luogo fu molto legato, venendone peraltro molto apprezzato come cineasta.

0089

Mi sembra che l’atmosfera sia un po’ troppo cupa, e non si tratta solo di smog o della nebbia che è ricomparsa dopo non so quanto tempo: venti di guerra, incendi devastanti, scioglimento di ghiacciai, frane ed alluvioni; movimenti millenaristi che proclamano la prossima fine del mondo brandendo non i cilici ma gli smartphone ultimo modello: che se non saremo sepolti dalle plastiche ci estingueremo per il riscaldamento globale, e se ci salveremo dall’innalzamento dei mari periremo per qualche altra catastrofe provocata da noi stessi.

Nel posto dove lavoro sono state bandite le bottiglie di plastica e la plastica monouso. Per carità, bravi bene bis: ma l’ecologia dovrebbe essere integrale, se uno toglie le bottigliette e contemporaneamente esubera migliaia di persone faccio fatica a credere che sia davvero convinto di quel che fa.

Al momento sulla terra siamo in 7,7 miliardi, in aumento irrefrenabile dato che alcune previsioni stimano che nel 2050 saremo 10 miliardi (e sfoggio subito ottimismo contandomi tra quelli) : chissà, forse qualche evoluzionista potrebbe interpretarla come una riproduzione frenetica in vista di un taglio sostanzioso, una spending review, una messa in esubero di una buona fetta del genere umano; e forse una sfoltita non sarebbe negativa tutto sommato, a non essere dalla parte degli sfoltiti.

countries-by-population-size-1

Certo il nostro osservatorio è ben più comodo di chi si trovasse, per dire, in Libia, Siria, Iraq, Yemen, o anche in Congo, in Nigeria, etc. etc. Ma ce lo meritiamo, siamo virtuosi: se non altro, con i pochi figli che facciamo non possiamo certo sentirci responsabili dell’incremento demografico.

L’umore naturalmente tende ad essere condizionato dalle vicende che accadono intorno e da come vengono raccontate: se tutte le sere che Dio manda in terra si sentono gli stessi quattro fannulloni ripetere in televisione che il governo ci porta sul baratro, le tasse aumentano ed il lavoro diminuisce, la criminalità dilaga e i barbari sono alle porte uno non è che sia portato a sprizzare gioia; piuttosto a spegnere la Tv o addirittura a romperla che sarebbe meglio.

Per fortuna ci pensano i cinesi a sollevarci l’umore! Ringraziamo quindi il maestro Muhai Tang, un uomo un mito, che ha perso i pantaloni mentre dirigeva un concerto sul palco del Teatro Dal Verme, a Milano: bastava un paio di bretelle per evitarlo, ma lui è stato troppo ottimista!

0078