nella mia grande e ineguagliabile saggezza…

Ma davvero l’ha detto (o meglio, scritto su twitter)? Non mi pare possibile, anche se ormai poche cose mi stupiscono.

No, ho il dubbio perché una volta gente così, che si credeva Napoleone e si aggirava con lo scolapasta in testa veniva portato con la camicia di forza al manicomio, non penso che qualcuno gli avrebbe affidato la valigetta nucleare con i codici di lancio.

Posso sbagliare, eh!

Per il poco che vale, solidarietà agli uomini e donne del Kurdistan Siriano; un popolo fiero che ha combattuto eroicamente e infine vittoriosamente contro i tagliagole dell’Isis e come ricompensa viene tradito vergognosamente da un tizio con lo scolapasta in testa che non si crede Napoleone, ma addirittura dio: degno rappresentante del popolo di pazzi che lo ha eletto.

08desk1-riapertura-rojava-curdirojava

 

 

 

 

 

Annunci

Ma che bella pensata!

In questi giorni, sull’onda delle manifestazioni giovanili che chiedono di darsi una mossa per contrastare il cambiamento climatico, qualche forza politica sta proponendo di concedere il voto anche ai sedicenni. In questo sembrano distinguersi i “ggiovani” pentastellati e qualche esponente della sinistra; anche l’ex premier Enrico Letta sta dicendo la sua in proposito cosa che mi fa riconsiderare la posizione del successore Matteo Renzi nei suoi confronti.

Bella pensata!

Personalmente come sapete sono per l’abolizione o almeno la revisione del suffragio universale, e sostengo la necessità di istituire una patente elettorale a punti; questo non contrasta ovviamente con l’abbassamento dell’età dell’elettorato passivo, che attualmente è di 18 anni (ovvero la maggiore età) per la Camera e di 25 anni per il Senato, però mi porta a proporre dei limiti o paletti o condizioni che dir si voglia per abbassare la soglia vigente.

Ecco dunque la lista dei requisiti¹ che il sedicenne aspirante votante dovrà dimostrare di possedere prima di essere ammesso alla cabina elettorale:

  • essere in grado di riassettare la propria cameretta compreso rifarsi il letto giornalmente, cambiare le lenzuola e spolverare ogni superficie almeno settimanalmente;
  • aver compreso il significato di “far scendere i passeggeri prima di salire” in occasione di accesso a mezzi pubblici quali treni, metropolitane, tram, bus et similia;
  • togliere dalle spalle zaini zainetti ed ogni ingombro molesto prima di accedere ai suddetti mezzi pubblici;
  • scambiare almeno dieci frasi di senso compiuto al giorno con i propri genitori, per chi ha la fortuna di averli; dovrà inoltre mostrare la cronologia telefonica con cui certifica di aver telefonato almeno una volta alla settimana ai nonni, ed in mancanza di questa un attestato firmato dai nonni medesimi;
  • non essere juventino;
  • avere una idea seppur vaga di quanto costi alla sua famiglia mantenerlo in termini di vitto, alloggio, vestiario, studio/lavoro, sport/svaghi e generi voluttuari e aver considerato che tutto quello di cui beneficia non piove giornalmente come manna dal cielo ma c’è qualcuno che si fa il mazzo spesso svegliandosi all’alba e tornando tardi la sera per guadagnarlo;
  • essere in grado di recarsi in autonomia presso l’ufficio elettorale della città in cui si risiede;
  • conoscere almeno il cognome del medico di famiglia;
  • aver sperimentato che è possibile fare la doccia in dieci minuti e non è necessario ogni volta svuotare il boiler; che gli indumenti sporchi non si gettano da soli nel cesto della biancheria e non si lavano da soli; che la lavatrice non funziona ancora con onde cerebrali ma è dotata di un dispositivo di accensione/spegnimento che può essere usato senza detrimento alcuno per la propria virilità/femminilità;
  • aver pensato almeno una volta nella vita di non essere un genio e aver avuto il sospetto che, anche se difficile, nel mondo potrebbe esserci qualcuno che ne sappia un po’ più di se stessi in un campo qualsiasi dello scibile umano.

A queste condizioni da parte mia non ci sarebbero obiezioni nel permettere di votare; vorrei però mantenere un numero chiuso, come si fa ad esempio per l’Università di Medicina (infatti sembra che manchino medici in Italia, e per fortuna, che mi pare si campi un po’ troppo) e quindi, parallelamente all’ingresso di questi nuovi elettori, farei partire una bella campagna per la dismissione (o rottamazione) di quelli vecchi, con eco-incentivi e sgravi fiscali.

cubaneconsigaro

¹ Con questi criteri io stesso a stento sarei stato ammesso; a sedici anni però riflettevo che, alla mia stessa età, mio padre era andato in guerra, ed io ero capace a malapena di smontare un rubinetto .

Mo’ me lo segno

Qualche giorno fa si è tenuta una Assemblea Generale dell’Onu dal titolo “Climate Action Summit 2019”, ovvero una conferenza sulle azioni da intraprendere per evitare la catastrofe ecologica prima che sia troppo tardi. Più di settanta paesi¹ si sono impegnati a ridurre progressivamente le emissioni di gas serra fino ad azzerarle del tutto entro il 2050: si può dare di più, come cantavano Tozzi Morandi e Ruggeri una trentina abbondante di anni fa.

Gli Stati Uniti, il più grosso consumatore di risorse e di conseguenza il più grosso inquinatore, non era nemmeno stato invitato dato l’atteggiamento di assoluto negazionismo di questa amministrazione (ma anche le precedenti, al di là di annunci di facciata, non è che abbiano brillato). Mr. Trump ha fatto una comparsata, giusto per far capire che quella è casa sua ed attirarsi il giusto biasimo di Greta Thunberg, la battagliera attivista che piaccia o non piaccia sta mobilitando milioni di giovani.

Guardiamoci in faccia, amici cari: questi impegni presi in nostro nome, ancorché blandi, vogliono dire in soldoni rinunciare progressivamente ai combustibili fossili, e specialmente al carbone; ridurre drasticamente gli allevamenti intensivi animali, specie bovini e suini, e dunque mangiare molta meno carne; combattere cementificazione, desertificazione e deforestazione; in sostanza un cambiamento culturale ed economico che va ad incidere sullo stile di vita e che dovrebbe riguardare innanzitutto chi più è responsabile della situazione attuale, ovvero i grandi paesi industrializzati.

E, dato che l’apparato militare è uno dei più grossi inquinatori, schierarsi decisamente per una riduzione degli armamenti.

Senza dimenticare che, se le disuguaglianze invece di diminuire crescono, è sommamente ingiusto pretendere gli stessi standard per tutti: e che facciamo, la flat tax dell’ambiente? Chi più ha avuto (e più inquinato) più deve dare, e casomai aiutare gli altri a non essere costretti ad inquinare a loro volta.

Ora, a parole siamo tutti d’accordo con Greta, ma quando poi si tratta di cambiare, convertire il proprio modo di vivere la faccenda è ben diversa.
Siamo disposti a fare questi sacrifici? A consumare meno energia, meno suolo, a mangiare diversamente? A viaggiare meno, a volare meno, ad usare meno gli apparecchi elettrici, a produrre in fin dei conti meno? E come la mettiamo con le merci che percorrono migliaia di chilometri, come la mettiamo con le consegne a domicilio così comode e pratiche?

No, perché se pensiamo che si tratti solo di abbandonare il petrolio (che prima o poi finirà, anzi non mi spiego come mai alcuni scienziati già anni fa lo davano per esaurito entro i primi anni del presente secolo e invece siamo ancora ad estrarre milioni di barili) e continuare a fare quello che facciamo adesso come niente fosse, sperando in un miracolo tecnologico che semplicemente sostituisca le fonti energetiche “sporche” con energia “pulita” siamo fuori strada, o meglio siamo dei grandi ipocriti: a quel punto allora è più onesto Trump a dire “me ne frego, lo stile di vita americano non si tocca, e gli altri si arrangino”…

Comunque nel 2050, se ci sarò _ e non è del tutto improbabile dato che la “razza” è abbastanza longeva (anche se in fondo non è che ci tenga così tanto) _ avrò 91 anni: mo’ me lo segno, come diceva Troisi in Non ci resta che piangere, il bellissimo film del ’85, ben prima che iniziassero le conferenze sui cambiamenti climatici.

adolescenti_smartphone_shu_161549816_1600x900

¹ I membri dell’Onu sono 196…

pezzo di capezzone!

«James, caro, che ne pensi dell’abito del nuovo ministro dell’agricoltura?» chiede Gilda, sdraiata nella sua chaise longue Frau.
«Un abito in organza e chiffon con piccole balze, in un bel blu, perfetto per la sua silhouette – approva il maggiordomo -. Abbinato magistralmente a delle slingback nere. Accessori in tinta con il piccolo torchon che incornicia lo scollo dell’abito. Sono sicuro che anche Girifalchi approverebbe».
«Sono contenta ti sia piaciuto, temevo lo ritenessi troppo sobrio» dichiara Gilda, sollevata.
«Assolutamente, signora, la vera eleganza è rispettare il proprio stato d’animo: la signora si sentiva entusiasta ed ha fatto benissimo a presentarsi in blu elettrica a balze. Sincera come una vera donna sa essere». conclude James, con un lieve inchino.
«Ma poi James, diciamocelo pure: a qualcuno è mai venuto in mente di criticare come veste un ministro uomo? A parte che sono tutti ingessati come manichini, poveretti. Che stupidaggine è questa?»
«Effettivamente, signora, il  commento non è stato dei più pertinenti. Un ministro si giudica dai suoi atti, non dai vestiti che indossa. Un gentiluomo  chiederebbe scusa e si presenterebbe con un mazzo di fiori»
«Hai detto bene, James, un gentiluomo… ma un capezzone?»

 

 

Dammi una lametta che mi taglio le vene

Così cantava Donatella Rettore nel 1982, l’anno in cui la nazionale di calcio di Bearzot vinse il Campionato del Mondo e in cui la mafia uccise Carlo Alberto dalla Chiesa, l’anno della guerra delle Falkland (o Malvinas) tra Argentina e Gran Bretagna e di film come Rambo, E.T. e Blade Runner; la Olivetti presentava il Personal Computer M20, nato per far concorrenza al neonato PC IBM, a cui seguì l’anno dopo l’M24; in America il presidente era l’ex-attore Ronald Reagan, mentre in Unione Sovietica finiva l’era Breznev ma la perestrojka era ancora ben lontana (per fortuna); in Italia c’era un governo pentapartito (DC, PSI, PSDI, PRI, PLI) guidato da Giovanni Spadolini, il primo governo repubblicano guidato da un non democristiano (a dicembre però il governo cambiò ed i DC si ripresero la guida, con Fanfani). Nella pressochè totale indifferenza un certo Umberto Bossi, un perito elettronico con diploma preso per corrispondenza, fondava la Lega Autonomista Lombarda che alle successive elezioni politiche del 1983 nella circoscrizione Varese-Como-Sondrio raccoglierà ben 157 voti.
L’Istat aveva appena certificato che, su tutto il territorio nazionale, erano presenti ben 321.000 stranieri, per cui si provvide a stabilire delle norme per regolarizzare quelli che non erano in possesso dei documenti.

Avevo allora 23 anni, e in ottobre mi trasferii a Parma per lavorare come programmatore in una giovanissima azienda informatica. Parma è una bellissima città dove la prima cosa che imparai fu che il salame di Felino non era fatto col gatto (quello lo fanno a Vicenza, mi canzonavano gli amici) e la seconda è che tutti vanno in bicicletta non importa che tempo faccia. Prendevo 800.000 lire lorde al mese, che facendo un po’ di conti, tenendo conto dell’inflazione, corrispondono a più di 1.400 euro attuali: non male anche se, dovendo mantenermi, ci stavo dentro a malapena ed a dicembre chiesi un aumento, che mi accordarono (ero bravo, modestamente): un milione.
Scoprivo, con meraviglia, di aver letto molti più libri della gran parte delle persone con cui lavoravo tra cui i miei capi, e di conoscere anche la situazione politica molto meglio di loro: meraviglia, dico, perché venendo da un paesino soffrivo un po’ di complessi di inferiorità e pensavo che la gente di città fosse più “avanti”, ma in fondo Parma era più un paesone che una città…

Ripensando a quei tempi non riesco a capacitarmi di come di quel mondo l’unica cosa che si è salvata sia la Lega e mi prende una botta di tristezza, una sensazione strana come di essere punito ingiustamente per qualcosa che altri hanno commesso: ma forse, come diceva l’altro Umberto, quello colto, il Tozzi, gli altri siamo noi e allora è giusto così, piglia su e porta a casa.
Rettore, ce l’hai ancora quella lametta?

donatellarettore_10-892x460

AAA Greta etiope cercasi

Il nuovo governo etiope ha lanciato una grande campagna di riforestazione con la quale si prefigge di piantare, nel solo 2019, oltre quattro MILIARDI di alberi.

L’altro giorno, giusto per far vedere che non stavano scherzando, ne hanno piantati in un sol colpo duecento milioni: e se la smettessimo di guardarci sempre l’ombelico, anzi di guardare quelli di Salvini e Di Maio, questa è la notizia che dovrebbe aprire i telegiornali, invece della cronaca nera o rosa o marrone che sia.

Mi ricordo quando, alle elementari, in uno dei primi giorni di scuola si festeggiava la giornata dell’albero: con i nostri grembiuli neri, inquadrati dai maestri, venivamo portati a piantare gli alberi, e c’era il sindaco con la fascia che faceva un discorsetto. Eravamo tutti orgogliosi di aver contribuito a rendere più bella la terra e sarò nostalgico ma, ripassando di là a distanza di decenni, un po’ orgoglioso mi sento ancora.

Gli etiopi (secondo me c’è anche qualche lontano cugino da quelle parti, sparso da mio nonno il conquistatore d’Abissinia…) stanno provando coraggiosamente a combattere la desertificazione (colpa delle siccità ma anche e soprattutto dei tagli indiscriminati) e non sarà di sicuro facile, considerando che di acqua non ne hanno tantissima ed i cambiamenti climatici non li aiutano di certo.

Queste sono le imprese a cui dovrebbe partecipare tutto il mondo, invece di curare ciascuno il proprio orticello (per restare in tema botanico) perché se rinascono le foreste in Etiopia staremo meglio tutti; anzi, secondo me si dovrebbe arrivare anche ad “espropriare” le foreste ai vari Bolsonaro & c.  che non solo negano l’evidenza del surriscaldamento globale ma giustificano e favoriscono il disboscamento…

Secondo me c’è bisogno, per pubblicizzare questa grandissima impresa, di un po’ di marketing: ci vorrebbe una Greta etiope, insomma…

634_MissUniverse_Ethiopia_mh_121912

minibottle

Qualche anno fa, d’estate, con la famiglia facemmo un salto in Olanda, passando prima da Colonia e da Bruxelles. A Rotterdam, appena arrivati, ci recammo in un ufficio turistico vicino alla stazione ferroviaria con l’intenzione di prenotare i biglietti per il traghetto che portava a Kinderdijk, dove c’è il complesso degli storici mulini a vento, ben diciannove, patrimonio dell’umanità.
Sfoggiando il mio migliore inglese, chiesi al perplesso impiegato: “Excuse me, may I buy the ticket for the bottle¹?”
Mio figlio intanto dietro sghignazzava, e questo avrebbe dovuto insospettirmi. Ma io, non cogliendo i segnali, insistetti: “The battle! The battle to Kinderkijk!” meravigliandomi di quanto poco gli olandesi conoscessero l’inglese.

Una scena analoga si era già verificata a Londra, quando in un Mc Donald’s mi ostinavo a chiedere una birra, ed il ragazzo dei panini mi guardava con gli occhi sgranati: a beer, a biir, a biar, ecomecazzosidicebirra, a’ birra! Vaffanculo, una coca cola! (il fatto è che in Inghilterra da quanto ho poi capito la birra nei Mc Donald’s non la vendono: hai voglia a sfiatarmi). Il tutto ovviamente con mio figlio sempre sghignazzante, e mia moglie che scuoteva la testa.

Ma tornando a Rotterdam, ad un certo punto l’impiegato mosso a compassione mi mise davanti i biglietti per i mulini, dicendo “I presume the boat to Kinderdijk, sir?” e fu solo l’abbronzatura a nascondere parte del rossore che mi imporporò il volto mentre la mia autostima scendeva pericolosamente di livello.
Alla fine comunque tutto è bene quel che finisce bene, prendemmo quel battello e ci toccò sorbirci anche uno spettacolino folcloristico dove due attori recitavano la storia dell’Olanda in olandese: non mi azzardai a chiedere niente, limitandomi di quando in quando ad annuire gravemente.

kinderdijk-home-arrangementen-1920x1080

Quest’episodio mi è venuto in mente in questi giorni, in cui si fa un gran parlare di minibot, ma io credo si tratti solo di un grosso equivoco: non volevano dire minibot ma minibottle, minibottle!

miss_nederland_090718-394p-650x500

Questa foto non c’entra niente con il post ma anche l’occhio vuole la sua parte

¹ Mi vergogno un po’ a mettere questa nota: bottle=bottiglia – battle=battaglia – boat=barca

Aliens. Ho perso i punti di riferimento (e anche le virgole)

Ma che ne so boh non ci capisco più niente anzi non ci ho mai capito niente vivo in mezzo a gente con la quale non ho niente in comune non abbiamo punti di contatto i nostri valori sono differenti le nostre visioni della vita e della società divergono anche quello che dovrebbe unirci quella forma di fratellanza e di appartenenza che potrebbe essere data dalla religione seppur la mia così tiepida ci divide e ci contrappone non so di che parlare con questa gente la cultura non aiuta il ragionamento non serve il richiamo ad una comune umanità non attacca vedo solo la gretta difesa di privilegi e interessi vivo in mezzo ad alieni ma con la sensazione di essere io l’alieno perché leggere libri perché informarsi è inutile tutto è inutile tutto è luogo comune e pregiudizio la dittatura del buonsenso che è conformismo bigotteria grettezza egoismo e hai voglia a dire che se crescono le ingiustizie e disuguaglianze bisogna andare a colpire le cause invece di prendersela con quelle che ne sono le vittime se si è perso l’orizzonte ideale e quando persino l’idea di ingiustizia è traviata quando si reputa giusto che i lavoratori si accontentino di un tozzo di pane senza diritti e continuamente ricattati ma sia ingiusto per i ricchi pagare le tasse e ancora di fronte all’evidenza dei danni che apportiamo alle relazioni alla convivenza civile alla natura si negano tutti i rapporti di causa-effetto di che ci meravigliamo signora mia è sempre stato così ma cosa ci siamo messi in testa la verità è che calpestiamo lo stesso suolo ma siamo di specie diverse io probabilmente un dinosauro voi sarete forse i nuovi sapiens che domineranno il mondo ma spero vivamente che un asteroide vi colpisca e vi stermini tutti alieni maledetti.

Visitors-la-serie-tv-di-culto-anni-80-diventerà-una-trilogia-di-film

Eppure noi ci credevamo…

Le prime elezioni per il Parlamento europeo si sono svolte, in Italia, il 10 giugno 1979. Io non avevo ancora vent’anni e stavo per partire militare: a breve mi sarebbe arrivata la cartolina che mi convocava a Sabaudia(LT) al corso per allievi ufficiali di complemento dell’Esercito; non ero mai stato fuori d’Italia ed a dire la verità ero stato poche volte anche fuori dal mio paese. Allora non erano molti quelli che potevano permettersi gite o viaggi, almeno tra i miei conoscenti; non c’erano corsi estivi, college, vacanze-studio, e se c’erano non era roba per figli di operai, contadini, artigiani, impiegati e piccoli commercianti, che quella era la composizione sociale del popolo.

Per chi ci riusciva comunque c’erano le frontiere, le dogane, i cambi delle monete; per non parlare poi dell’Europa dell’Est, quella dei paesi comunisti, dove per entrare era anche necessario richiedere il visto di ingresso.

A scuola avevo studiato un po’ di inglese, meglio alle medie che alle superiori dove dovetti ricominciare da capo dato che la maggioranza degli studenti alle medie aveva fatto francese, annoiandomi terribilmente: in teoria cittadino del  mondo, in pratica di un mondo molto piccolo.

I nostri genitori avevano conosciuto la guerra, con i suoi lutti, distruzioni, la fame, le privazioni… e l’Europa unita significava soprattutto pace, armonia tra i popoli e sviluppo per chi era più arretrato, per allinearsi ai livelli di quelli più progrediti.

Si parlava di Stati Uniti d’Europa…

a_b06571ea35

Che è rimasto di quei sogni, di quegli ideali, un’era geologica dopo?
Abbiamo sostituito il muro di Berlino, la Cortina di ferro, con altri muri, altre cortine… Oggi che possiamo spostarci liberamente da un paese all’altro, usando una stessa moneta, parlando la stessa lingua o quasi, è possibile che ci sentiamo meno europei di quaranta anni fa?

Ma che ci è successo?

18729660_PA_La-patata-bollente_1

 

La bellezza salverà il mondo?

L’Italia, questo meraviglioso paese in cui abbiamo la fortuna di vivere, ha ben 55 siti riconosciuti dall’Unesco come Patrimonio dell’umanità (di cui 7 in comproprietà con la Svizzera o comunque presenti in Italia come San Marino e Città del Vaticano) su un totale di 1092.
Una nazione di 60 milioni di abitanti (appena lo 0,85% della popolazione mondiale) detiene il 5% del patrimonio dell’umanità: non è un miracolo questo?

Meno male che c’è l’Italia! Ma perfino l’Idiota di Dostoevkij, osservando le vicende del nostro paese, sarebbe dubbioso della sua stessa affermazione. Una vena di follia aleggia nell’aria: una volta c’era chi si credeva Napoleone mettendosi uno scolapasta in testa oggi invece c’è chi, brandendo un rosario, si crede di essere il Papa; la plebe acclama chi strilla di più, è l’eterno “salvate Barabba” invece di Gesù; nel paese dei balocchi la ministra dell’Istruzione dichiara di non leggere un libro da tre anni; la presidente della regione Umbria si dimette e poi vota contro le proprie dimissioni; chi salva vite è accusato di ogni nefandezza mentre a chi quotidianamente le toglie, a quelli che spargono guerre per il mondo, lecchiamo il didietro in continuazione. La disuguaglianza cresce continuamente e si parla non di aumentare ma di togliere le tasse a chi più ha, tanto poi c’è sempre qualcuno su cui aizzare il popolino: gli immigrati, i rom…

E la bellezza dovrebbe salvarci?

le-vincitrici