E chi non vota per me, péste lo cólga!

Amiche e amici, le elezioni si avvicinano ed una campagna elettorale così assurda non si è mai vista. Gli stessi partiti (praticamente tutti o quasi) che hanno governato, alternandosi o insieme, negli ultimi 30 anni, si scoprono verginelli e promettono mirabilie per il futuro prossimo venturo. Cchiù pilu per tutti! Che bell’avvenire ci aspetta. Il Tg1, o meglio TeleKiev, dopo i dieci-quindici minuti di propaganda ucraina ci propone un pastone di dichiarazioni troncate dei soliti ceffi, da cui si evince: a) la destra che si sente la vittoria in tasca può già iniziare a fare le prove delle liti che la dividerà appena i suoi esponenti dovranno spartirsi i posti al governo; il PD che strilla “o noi o il diluvio” dimenticandosi che le dighe le hanno minate loro; il cosiddetto terzo polo (Calenda e Renzi, il gatto e la volpe…) dopo aver fatto una proposta sensata ovvero quella di sospendere la campagna elettorale, per quel che serve, continua a ripetere a pappagallo “agenda draghi agenda draghi”; i cinquestelle si scoprono improvvisamente più a sinistra di tutti e non si capisce se ne siano contenti o spaventati: non sarà facile far dimenticare che dalle loro file sono usciti ministri come Di Maio e Cingolani, che il Signore li abbia in gloria.

La crisi energetica sta facendo vittime: la cassa integrazione è aumentata esponenzialmente, alcune aziende hanno dovuto ridurre la produzione e se continua così dovranno interromperla;  le commesse pubbliche dovranno essere tutte rinegoziate almeno del 30% _ ad essere buoni _ perché i fornitori non ci stanno più dentro; e si prospettano un autunno ed un inverno difficili, con costi sociali molto alti. Ci stiamo facendo guidare dal pifferaio di Washington e dai buffoni di corte di Bruxelles verso lo sprofondo; so che queste dichiarazioni mi attireranno accuse di putinismo, ma è sempre meglio che essere affetto da cretinismo. Ah, un altro degli argomenti della campagna elettorale, forse il principale, è: “Nella cabina elettorale Dio ti vede, Putin no”.

Certo che il mondo a rovescio che ci siamo costruiti è proprio buffo. Mandiamo armi e promettiamo mari e monti all’ometto in maglietta verde ma gridiamo al “ricatto” o all’”ingerenza” se la Russia ci chiude i rubinetti del gas (dalla cui dipendenza abbiamo dichiarato di volerci affrancare: quindi devono darcelo finché lo decidiamo noi, ed in più al prezzo che diciamo noi…) oppure ci “minaccia” se dicono una cosa ovvia ovvero che noi  e la UE siamo succubi di decisioni Usa che pagheremo care (lo stiamo già facendo). Il ministro della transizione ecologica (!) dice che non prendiamo ordini da nessuno, ma qualcuno sano di mente avrebbe mai potuto immaginare che grazie alle scelte del governo dei Migliori ci saremmo trovati con l’inflazione alle stelle, ridotti a razionare gas e elettricità, a ridurre la temperatura nelle case _ voglio vedere come faranno a controllarlo, tra l’altro _  , che si spingesse sulla riapertura delle centrali a carbone (o massimo sfruttamento di quelle rimaste), sui rigassificatori, e sulle trivellazioni in alto mare? E’ questa la transizione che ci aspettavamo, alla faccia di Greta e del riscaldamento globale? Tra l’altro per la cosiddetta transizione servirebbero i soldi del Pnrr, che stiamo già ipotecando con i bonus per coprire l’aumento delle bollette e del carburante. Dunque se c’è qualcuno che ci minaccia, amiche e amici, guardiamoci allo specchio…

Quindi porte aperte al gas in arrivo dagli Usa: le aziende che lo estraggono (con il fracking, che in Europa è VIETATO: ennesimo esempio di doppio standard e di ipocrisia) stanno facendo guadagni stratosferici, così come tanto per dire i polacchi con il carbone, e sono ben contente che la guerra continui! Cosa di cui dovrebbero preoccuparsi soprattutto agli ucraini, invece di fantasticare di controoffensive: si parla addirittura di 2024-25 come orizzonte per la fine della guerra, ma cosa rimarrà di quel paese, a questo non ci pensiamo quando ci riempiamo la bocca di “difesa della democrazia”? Quando si comincerà a tentare di mettere fine a questa follia, invece di buttare ogni giorno benzina sul fuoco? Intanto c’è la corsa alla solidarietà europea: la Germania rimasta senza gas lo otterrà dalla Francia, che in cambio riceverà energia elettrica. Dove la Francia e la Germania li prenderanno non è dato saperlo: se sperano di riceverlo dall’Ucraina stanno freschi.  L’Algeria, che non è fessa, ci ha promesso più gas togliendolo alla Spagna (chiaro esempio di solidarietà europea); quella stessa Algeria che poco tempo fa, senza che nessuno gli dicesse “bha”, si è intestata la sovranità sulle acque territoriali FINO A POCHE MIGLIA DALLA SARDEGNA!

Allora mi chiedo: ma i nostri governanti di chi stanno facendo esattamente gli interessi, dei propri concittadini, delle proprie imprese, o di più o meno potenze straniere? E uno pignolo non ci potrebbe ravvisare, che so, l’ipotesi di tradimento?

Detto ciò care amiche e amici che ognuno voti pure per chi vuole; il mondo non finirà il 25 settembre, anche se per qualcuno sembra sia iniziato il 24 febbraio.

A presto!

Se si candidasse la voterei senza se e senza ma

41 pensieri su “E chi non vota per me, péste lo cólga!

  1. Una volta c’era un tubo russo, col gas russo, pagato con soldi americani, che passava in Ucraina.
    L’anno prossimo ci sarà lo stesso tubo russo, col gas russo che però è cinese, pagato con soldi cinesi, che passerà in una provincia russa.
    È brutto da dire, mi sento una chiavica di essere umano nel pensarlo e soprattutto nel non avere alcuna possibilità di opposizione ma è così: sono trent’anni che la Russia combatte guerre a bassissima intensità ai suoi immediati confini, rosicchiando ufficiosamente chilometro dopo chilometro con staterelli di cartone che non si riconoscono nemmeno da soli… E noi europei pensavamo di risolvere la crisi ucraina in sei mesi?

    Piace a 1 persona

    • Noi europei avremmo fatto bene a continuare a fare quello che abbiamo fatto in otto anni: una beata minchia. Sugli accordi di Minsk i garanti erano anche Francia e Germania, che hanno sempre girato la testa dall’altra parte, come la UE, come l’Onu. Non c’era bastato danneggiarci con le prime sanzioni, fin dal 2014 (io sono stato in Russia nel 2018: ci prendevano praticamente per scemi, non gli vendevamo più le mozzarelle ma eravamo andati là ad insegnargli a farsele da soli). Ora abbiamo toccato l’apice dell’autolesionismo. Arriverà il momento in cui tutti diranno che la colpa è di qualcun altro (Salvini già ci prova: l’Europa ci ha messo in questa situazione. Certo, Border Linen e Borrell sono ormai impresentabili, ma il nostro governo, di cui faceva parte, che ha fatto? San Draghi l’amerikano? E Gentiloni a Bruxelles che faceva, dormiva come al solito? ). Comunque io sono convinto che questi sono matti e ci porteranno alla guerra.

      "Mi piace"

    • Mara ai suoi tempi era uno spettacolo per gli occhi. Ha avuto una caduta di stile quando ha avuto la relazione con l’on. Bocchino (che dopo di allora non si è più ripreso). Ora vuole fare la statista, quanto talento sprecato!

      "Mi piace"

  2. Hai omesso un piccolo aspetto della questione gas: i prezzi disumani sono decisi in Olanda. E la cosa sta bene a tutti gli speculatori occidentali che dovrebbero essere nostri alleati. Ergo: c’è la proposta di mettere un prezzo massimo solo al gas di provenienza russa. Il che vuol dire che solo la Russia non potrà più speculare contro di noi. Invece Olandesi, Norvegesi, egiziani, algerini, americani…potranno continuare a spolparci, tanto è sempre colpa di Putin. Anche prima del 24 febbraio era colpa di Putin, quando la benzina d’un balzo è arrivata a più di 2 euro al litro.

    Piace a 1 persona

    • Le leggi dell’economia sono abbastanza semplici: se togli dal mercato un bene che ha domanda, il prezzo per chi rimane salirà. E basta l’annuncio… se poi ci si aggiunge la speculazione, siamo in mano ad una manica di banditi. I prezzi delle materie prime erano aumentati ben prima della guerra; ricordo un post che avevo scritto sulla bolletta del gas di mia suocera, che era aumentata di più del 30% a gennaio! Certo che se c’è già casino e se ne aggiunge altro… Oggi sono andato a fare spesa, alla Coop come sempre: fino alla settimana scorsa il suo latte costava 0,85 al litro, oggi 1,09. Fatti un po’ il conto… e per chi, per la cricca di Zelesky? E per continuare a fare morire ucraini e russi? E fare ridere chi ci vende il gas liquefatto? Ci è andato in pappa il cervello, c’è poco da fare ormai.

      Piace a 1 persona

  3. Hai messo non poca carne al fuoco anche se mi sembra di cogliere un filo conduttore coerente con una certa visuale.
    Mi è difficile essere d’accordo, preferisco comunque soffermarmi sulla più piacevole “signorina” a conclusione del post. E a cui si candidasse, non lesineresti il voto.
    Beh, mi hai fatto venire in mente Cicciolina che messa in lista da Marco Pannella (altro bell’elemento del folklore politico) i voti li ha conseguiti. Non so quanto Cicciolina abbia contribuito al progresso della nazione, so però (sperando di sbagliarmi) che la suddetta si sta tutt’ora godendo il vitalizio parlamentare passatole dalla Repubblica Italiana, cioè noi che non abbiamo la residenza a Monaco o alle Cayman e che le non poche tasse le paghiamo fino all’ultimo euro.
    Pace e bene (sempre!)

    Piace a 1 persona

  4. Sulla campagna elettorale che si ripete sempre uguale come la musica andina del cucciolo Alfredo di Dalla le dò ragione. Attenzione, però. Alle Balle e alle giravolte giornaliere che i leader fanno per adeguarsi alle contingenze.
    Su Putin le dò torto: nom voglio morire per Zelensky, ma qualche sacrificio sono disposto ad affrontarlo sperando che sia breve. D’altronde i Capi delle autoproclamate repubbliche filorusse del Dombass hanno seguito il poco edificante esempio del nostro re Vittorio Emanuele III e sono scappati. Alessandro Orsini ha cancellato tutti i suoi tweet filo russo. Forse ho speranza che la fine di questa jacovella sia vicina

    "Mi piace"

    • Che finisca presto è la speranza di tutte le persone di buon senso, ma siccome ce ne sono poche dubito che sarà così. Non mi sento di dare molto credito ai trionfalismi; quando i russi si ritirarono dal nord ed erano stati descritti come finiti e sconfitti poi sono seguiti altri sei mesi di guerra e si sono presi tutto il Donbass o quasi. Sarà ancora lunga, e di mezzo ci sarà il generale Inverno.

      "Mi piace"

  5. Per quanto riguarda il finale iconografico, come l’ha chiamato qualcuno là sopra: a vent’anni invidiavo a morte le tettone, a quaranta erano loro a invidiare me, perché loro le avevano sulla pancia mentre io, avendo la gravità poco spazio su cui esercitare la sua forza, ero esattamente come vent’anni prima.
    Uomini affascinanti: Alain Delon non mi ha mai detto niente, meno che mai gli altri più giovani nominati: sono abbastanza difficile da affascinare, in effetti.
    Per la pasta ho visto che, dopo il senza fuoco, tu e i tuoi ospiti avete rilanciato con senza acqua e senza pasta: ri-rilancio anch’io con anche senza pentola, e raggiungiamo l’apoteosi.
    Infine due parole sulla politica: secondo me l’unica cosa sensata da fare è prendere l’ammucchiata Biden Obama Clinton Harris Pelosi Nuland Zelensky, impacchettarli per bene e consegnarli a Putin che ne faccia quello che vuole – che sarà comunque molto più misericordioso di quello che tutti loro stanno facendo da otto anni e mezzo ai russi del Donbass – e avremo finalmente la pace, il gas e tutto il resto. E anche in America sorgerà finalmente un’alba radiosa.

    Piace a 1 persona

    • Sarei anch’io d’accordo nell’impacchettamento. Già che ci siamo manderei anche Draghi, Border Linen e Borrell. Mi fai cadere un mito:Alain Delon no? È come dire che a qualche uomo Marylin Monroe non dice niente. Come può essere? 😁

      "Mi piace"

      • Può essere, può essere, altroché. Gli unici che trovo veramente belli sono Robert Redford (solo da giovane: è invecchiato malissimo), Robert Hossein (idem) e Harry Belafonte (anche da vecchio). E carino quello di Jesus Christ Superstar che non so come si chiama, purtroppo invecchiato in maniera orrenda. Il film non l’ho visto, solo l’inizio perché è in un posto in cui sono stata diverse volte. Quanto a Marylin, è una delle tante donne universalmente considerate bellissime che io non trovo belle proprio per niente. Le uniche veramente veramente belle per me sono Rita Hayworth, Claudia Cardinale (preferibilmente mora) e Valentina Cortese.
        Per quanto riguarda le tue aggiunte, sono sicuramente degli esseri malefici, però sono soprattutto dei burattini, servi sciocchi, mentre gli altri sono i burattinai. Non dico che senza quelli sarebbero innocui, però è un fatto che sulla questione sanzioni armi eccetera hanno obbedito agli ordini. Esattamente come per la cosiddetta transizione verde, gender insegnato all’asilo e tutte le altre analoghe puttanate.

        Piace a 1 persona

    • Mi sembra un raschiare il fondo del barile, caro Guido. Sicuramente il risparmio è una bella cosa, tra l’altro con quello che costa la carne stiamo anche riducendo il consumo di quella; un conto è farlo perché si è convinti ed un conto perché costretti da scelte su cui io personalmente non sono per niente d’accordo. Pertanto, checché ne dica il fisico, la pasta continuerò a cuocermela come al solito, e se poi finisce il gas pazienza…

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...