Letti – dal blog di Poetella

ecco, caro Giò, quanto richiesto… letto di mio figlio, al quale abbiamo tolto la piediera, che lui non c’entrava! letto mio… questo è quanto… 😉

per giomag59… — Poetella’s Blog

Amiche e amici, ieri abbiamo parlato di letti in ferro battuto ed è doveroso far partire la rubrica “Letti”; chi si aspettasse storie di alcove rimarrebbe deluso per diversi motivi: principalmente perché, come si sa, il gentiluomo gode e tace, poi perché è prudente dare ascolto ai suggerimenti guerreschi come “taci, il nemico ti ascolta” ed infine perché, come diceva De Sica padre in “Pane amore e…”, per me, oramai…

Rimarrà deluso anche chi si aspetta recensioni di letture: no, ci sono già eccellenti blog di recensioni, non c’è bisogno che mi ci metta anch’io, che tra l’altro sto leggendo ora “Ragazzi di vita” di Pasolini, non sarebbe proprio una recensione freschissima.

Ringrazio Poetella, poetessa come dice il nome stesso e soprattutto amante e cultrice (si dice cultrice?) del bello in tutte le sue forme, per aver dato il primo contributo; chi non l’ha ancora fatto vada a curiosare nel suo blog dove oltre le belle poesie mette in mostra gli oggetti che colleziona nella sua casa-museo.

Mio padre sapeva costruire ed aggiustare i letti in ferro battuto. Non so in quanti hanno un’idea di quanto lavoro occorra per partire da un tondino di ferro del 12 e farci uscire la testiera di un letto, quanto carbone deve bruciare per alimentare la forgia, e quante martellate per spianare i riccioli; e quanto ingegno per far stare insieme tutti i pezzi prima che si inventasse la saldatura… e gli ovali con disegni floreali, o piccoli camei, che si incastonavano tra i ricci. Oggi i letti in ferro si fanno ancora, sono prodotti industrialmente, e li vengono come ferro battuto anche se di battuto hanno veramente poco. Quanti artigiani saranno rimasti in Italia a saperli fare? Quanti hanno ancora tra le mani la sapienza per creare un pezzo che supererà la propria vita, e quella di chi l’ha ordinato?

18 pensieri su “Letti – dal blog di Poetella

  1. Massì, mancava la nota di sentimento al tuo blog. Non che ne sentissi la mancanza, preso come sono a seguire il Salvini-pensiero, che ricco e fertile com’è richiede un impegno non indifferente. comunque conta che la nota di sentimento ora c’è!
    Suggerimento: le signorine che mostravi qui starebbero perfette.

    Piace a 1 persona

    • Effettivamente un letto vuoto pur con tutto il suo fascino non rende. Devo provvedere e provvederò! Sulle miserie che quotidianamente ci avviliscono stendiamo un velo. Mi chiedo cosa sarebbe successo se un marocchino avesse sparato all’assessore di Voghera. Assessore alla sicurezza, manco fossimo a Gomorra. Abbiamo polizia, carabinieri, questori e prefetti e servivano anche gli assessori alla sicurezza (armati, come i vigili urbani. Infatti qui uno di quei dementi _ pattuglia antiwriter_ qualche anno fa sparò in testa a un ragazzo, guarda caso straniero, e che peraltro nemmeno era un writer). Ci si può dimettere da italiani?

      Piace a 1 persona

      • Ma io andrei ancora più a monte: come mai un individuo – il marocchino – pur avendo precedenti, ordini di espulsione e più di uno e quindi una fedina conclamata era ancora lì tranquillo in circolazione? O difetta la legge com’è evidente? Per cui cosa si aspetta a modificarla visto che sono ormai passati vent’anni e oltre dagli anni dell’arrivo dei primi “vu’ cumpra” e si dovrebbe quindi avere l’esperienza per interventi opportuni ma poi REALI. Non solo sulla carta come pare sia essere nefasto costume nazionale.

        Piace a 1 persona

  2. poetella ringrazia per le belle parole…

    Precisa inoltre che il letto in foto è veramente in ferro battuto, e battuto alla grande, risalendo lo stesso alla metà dell’Ottocento. Anni che si porta benissimo!
    Notare i deliziosi pomoli in ottone sui montanti della testata. Pomoli che, ahimè, dovrei pulire per farli scintillare ma… magari quando finisce ‘sto caldo, ok?

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...