Cultura a fasci!

Amiche e amici, il weekend sebbene non abbia offerto un tempo bellissimo ha comunque permesso di svolgere le visite che ci eravamo prefissi ai beni aperti nell’ambito delle Giornate di Primavera del FAI, Fondo Ambiente Italiano: Villa La Clerici, a Erba, e Villa Casana, a Novedrate. Come già per le scorse Giornate di Autunno, le visite erano possibili solo su prenotazione e con gruppi di massimo 15 persone alla volta (con una piccola elasticità di 2-3 al massimo); visite aperte a soci Fai e non soci, con un piccolo contributo di 3€ a testa.  Siamo andati con due diversi gruppi di amici, sabato ad Erba e domenica a Novedrate; in provincia c’erano altri beni aperti, alcuni esclusivamente per questo evento ed altri invece già beni Fai, come ad esempio la stupenda Villa del Balbianello ad Argegno o la casa Fogazzaro-Roi, luoghi questi che abbiamo già visitato in passato, e che i soci possono visitare quando vogliono senza attendere le aperture straordinarie come queste.

Queste giornate erano state precedute da una polemica di una associazione di guide turistiche professionali, che si lamentavano di non essere state utilizzate. La polemica mi sembra fuori luogo, queste giornate servono per propagandare il Fai, raccogliere donazioni e sollecitare nuove iscrizioni; le attività si basano su una rete di volontari encomiabile, in gran parte giovani ed entusiasti (tra l’altro spesso sono coinvolte delle scuole, anche ad indirizzo turistico, in modo da dare ai ragazzi anche la possibilità di fare esperienza): se il Fai dovesse pagare le guide professionali queste aperture non sarebbero certo possibili. Senza contare che, nell’anno di pandemia, il Fai come tantissime altre associazioni ha avuto una netta diminuzione di donazioni, per cui tanti lavori sono stati sospesi come tanti nuovi progetti sono stati posticipati. Care guide, il bersaglio è sbagliato: rivolgetevi al ministro Franceschini!

Ma, dopo questa difesa da appassionato (che per la verità ho dovuto fare con qualcuno degli amici venuti in visita), illustrerò brevemente quello che siamo andati a vedere.

Siamo in Brianza, zona operosa per eccellenza, forse anche troppo: Villa La Clerici era infatti un antico filatoio e filanda; semplificando molto, il filatoio è la parte dove dai bozzoli del baco da seta si estrae il filo di seta e la filanda è la parte dove si lavora questo filo e si produce il filo per la tessitura. Le macchine erano molto grandi e richiedevano molto spazio, il lavoro era duro e le operaie erano per la quasi totalità donne (“Cos’è cos’è che fa andare la filanda, è chiara la faccenda, son quelle come me”, cantava Milva). Questi Clerici erano dei geniacci, dismessa la filanda uno degli eredi che aveva conosciuto personalmente Thomas Alva Edison si è messo a produrre lampadine, diventando uno dei maggiori produttori italiano e vendendo infine alla Osram. Infine la struttura, che comprendeva anche un piano di alloggi per le maestranze, è stata trasformata in residenza, ancora oggi abitata nei mesi estivi; c’è un bel parco all’inglese dove la vasca che serviva ad affogare i bachi (la prima parte della lavorazione, per prendere il bozzolo non si poteva aspettare che il baco ne uscisse, avrebbe rotto il filo) è stata trasformata in piscina. All’interno abbiamo visitato il teatrino, una biblioteca, la sala da pranza ed il salotto, con tanto di pianoforte fatto costruire probabilmente in occasione di una visita in Italia di Wagner, e dove il maestro avrebbe suonato. Nella biblioteca una simpaticissima giovane guida ci ha parlato del capostipite, un giudice, e dell’importanza che rivestiva possedere una biblioteca: “perché allora alla cultura ci si teneva” le è scappato detto ridendo… La Villa viene affittata anche per eventi, feste e matrimoni  e come set cinematografico. Chi fosse interessato… Finita la visita siamo saliti fino al monumento ai caduti della prima guerra mondiale, salendo una ripida scalinata: da lì si gode un bel panorama, e c’è uno spiazzo erboso dove sicuramente in estate sarà pieno di gente che prende il sole.

Al ritorno ci siamo fermati in un bar e ci siamo fatti il primo spritz della stagione: liberatorio ma deludente per quanto riguarda la consistenza alcolica. Amici baristi, meno ghiaccio e più prosecco!

Domenica come dicevo siamo andati a Novedrate, eravamo in nove quindi  il gruppo era quasi tutto nostro; questa apertura era stata organizzata dal gruppo giovani di Como, di cui sono orgogliosissimo perché i due promotori sono due ragazzi che facevano parte del gruppo teatrale che ho diretto e uno dei volontari è mio figlio. Il palazzo si affaccia nella piazza principale di Novedrate (paesino che ha poche altre attrattive per la verità); dal settecento ad oggi ha una lunga storia di passaggi di proprietà, dovuti quasi tutti a mancanza di eredi maschi e matrimoni (Traversa, Isimbardi, Casana e forse ne ho dimenticato qualcuno). Il Comune l’ha acquistato recentemente, con il grande parco annesso, ed ha intenzione di metterci gli uffici comunali: del resto è stato di proprietà dell’Ibm dagli anni ’70 fino al 2006, e c’erano gli uffici amministrativi. Lo stile che si nota di più è quello eclettico di inizio novecento; il Comune (amministrazione leghista ma secondo me in gamba) ha organizzato le cose per bene, ha mobilitato dei figuranti di una scuola di danza dell’ottocento del posto che hanno illustrato gli abiti dell’epoca, suscitandomi  un po’ invidia perché come forse qualcuno ricorderà qualche tempo fa mi ero dato anch’io al ballo dell’ottocento, perfetto per il mio aplomb; nelle poche sale visitabili un gruppo di merlettaie al tombolo, tradizione che si tramanda ancora oggi, e un gruppo di presepari. Una chicca, nel parco, la cappella privata ora sconsacrata che imita la chiesa di San Francesco di Paola in centro a Milano, in via Manzoni. Alla fine (ma noi ce ne eravamo andati) l’amministrazione comunale ha offerto un rinfresco a tutti i partecipanti, e non posso che applaudire. Così si fa!

Mi sono dilungato un po’ troppo, sarà l’emozione del riprendere le attività normali (anche se non normalmente); o sarà che non voglio pensare a quello che succede per il mondo…

Bella la vita nell’Ottocento!

15 pensieri su “Cultura a fasci!

  1. Molto interessante e ben documentato. Anche qui in Piemonte esistono sicuramente molti beni visitabili tramite il FAI o altre associazioni, solo che (a parer mio) non vengono promossi adeguatamente, dal momento che il grande pubblico ne sa poco o nulla. Ben fatto, dunque!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...