Cronachette dell’anno nuovo (3)

Tanto tuonò che piovve, e a forza di gridare al broglio ed al complotto qualcuno ci ha creduto ed è andato ad assaltare il Parlamento: non è chiaro quali fossero le intenzioni, se solo impedire la proclamazione del nuovo Presidente, se dare una lezione ai rappresentanti repubblicani rei di non aver sostenuto convintamente il presidente in carica, o aprire la strada ad un golpe autoritario. Fatto sta che alla fine tutto è bene quel che finisce bene, quattro persone ci hanno lasciato le penne e qualche decina è rimasta ferita, decine di arrestati ed un paese sul’orlo della guerra civile. Tutto questo nella più grande democrazia del mondo, così ieri ripetevano i commentatori, cosa che contesto sia numericamente (l’India è anch’essa una democrazia, mi risulta, ed ha quattro volte la popolazione statunitense) che qualitativamente (su questo non vorrei addentrarmi, ma se c’è qualcuno che sa come fare i colpi di Stato _ di solito negli altri paesi _ sono proprio loro).

Spero solo che a Biden non venga voglia di perseguire il vecchio sogno di andare ad esportare  per il mondo la democrazia a suon di bombe, che finora non ha portato molto bene. Magari togliere le sanzioni alla Bolivia permettendogli di comprare i vaccini contro il Covid sarebbe una azione apprezzabile, ma questo lo vedremo dopo il 20 gennaio: la transizione sarà ordinata, ha detto l’attuale Pocus al quale mi pare si siano scoloriti i capelli, sbaglio?

Ieri sera nella ghigliottina finale dell’Eredità la parola da indovinare era “vecchia”. Una delle definizioni era “bruciare la vecchia”, ovvero bruciare la Befana, usanza che c’è in diverse parti d’Italia per l’Epifania; ebbene il conduttore Insinna si è quasi scusato dell’uso dell’aggettivo, assicurando che non si trattava di mancare di rispetto alle anziane signore. Ora, capisco che Insinna dopo aver dato della nana muta ad una delle concorrenti del gioco dei pacchi debba ora scontare un contrappasso dantesco e quindi debba raggiungere sempre nuove vette del politicamente corretto, ma qui siamo al ridicolo: se uno è vecchio non si può più dire che è vecchio?  E poi anziane signore: siamo sicuri che in Inghilterra qualcuno non abbia da ridire, e perché solo le signore? Sessismo, o addirittura anti-gender!

Anche il Manifesto sembra certo che il governo cadrà per mano di Renzi che sta lavorando per un governo di unità nazionale con dentro Forza Italia e Lega a guida Mario Draghi. Tutto può essere in politica, per carità, ma così facendo mi pare che si gettino le basi pure per un assalto al nostro, di Parlamento. Ma in realtà dietro c’è ben altro assalto, ed è quello alla diligenza dei miliardoni del Recovery Funds… personalmente sono curioso di vedere se il PD finirà definitivamente di suicidarsi (sempre troppo tardi,a parere mio).

L’anno nuovo mi ha portato un nuovo materasso. Super accessoriato, memory-foam, ben 28 centimetri di altezza. Non mi ero accorto di averne bisogno ma mia cognata aveva avuto la soffiata che in un vicino deposito che rivende merce ritirata da fallimenti e aste giudiziarie era arrivato uno stock di materassi,  il prezzo (70 euro l’uno) era molto conveniente e così ha convinto mia moglie e di conseguenza me che fosse tempo di cambiare il mio, in obsoleto lattice. Già che c’ero mi sono preso anche un giaccone, che mi sono ricordato che quello che avevo l’anno scorso alla fine dell’inverno l’ho buttato perché cadeva a pezzi.  Il ragazzo ci ha detto di andarli a trovare, ogni tanto, perché sono in arrivo novità di tutti i tipi dato  che i negozi che stanno chiudendo per fallimento si sprecano. Mentre gironzolavo ho cercato di capire cosa si dicevano due russe (o giù di lì),  due badanti  abbastanza  giovani, ma quello che ho capito è che sono ancora indietro nella comprensione della lingua.

Amiche e amici, se non altro anche se cadrà il mondo potrò dormire sonni tranquilli: e così spero di voi, come si diceva una volta alla fine delle lettere…

Badanti rimaste a corto di indumenti invernali

34 pensieri su “Cronachette dell’anno nuovo (3)

  1. Voglio essere badato subito! Ma ne bastano due per essere accudito come si deve e protetto da tutto quello che succede nei Parlamenti del mondo, USA ma anche Italiano, passando da Inghilterra, Russia, Turchia, Iran, Cina….
    Da certa specie umana mi guardi Iddio che al Coronavirus ci penso io.
    (Il che è tutto dire)

    Piace a 2 people

  2. Credo che siamo solo agli inizi con Trump: il suo ego infinito è stato mortalmente ferito: lui, il presidente più grande di sempre, che non viene rieletto! Prova a metterti nei panni di un tizio che riesce a fare credere a una massa di caproni decerebrati, che lui è un supereroe che sta combattendo da solo, a mani nude, contro un fantomatico deep state. E capirai quanto fuoco ha ancora da sputar fuori. A maggior ragione che, se abbassa i toni, finisce in galera per bancoratta ed evasione fiscale.

    Piace a 1 persona

  3. Un altro post, come racconto di vita sobrio e accattivante. Con tanta spontaneita apri l’aria porta e ti ptesenti.
    La politica è tra i vari argomenti il meno piacevole. Cerco un po’ di evitarlo perché lo trovo molto deprimente.
    E come abbiamo visto la storia è ciclica.
    Una Babilonia potrei definirla e non intravedo un bell’orizzonte. Guardo al cielo è meglio ,soprattutto con il sole.
    Gio però potevi scivolare addosso alla tua dolce metà, non ti pare ?!
    Un bel giaccone pesante con il freddo che fa ci vuole .
    I materassi fanno comodo ,come i cuscini… E coperte di lana pura . Ne ho messo uno sul pavimento, con una vecchia coperta sotto. Diventa la camera dei salti…per i miei nipotini .Buon tutto caro Giò 🐞😶

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...