Finalmente libero!

Amiche e amici, sabato mattina ho avuto il responso al terzo tampone e stavolta è stato fausto: negativo! Come notizia è positiva, e vuol dire che dopo 28 giorni di isolamento posso uscire dalla stanzetta e tornare alle consuete abitudini. Vagheggiavo questo momento e nella mia fantasia mi vedevo pronto a darmi alla fuga, in stile Papillon: niente di tutto questo, fuori faceva freddo, mi sono spaventato e sono rimasto lo stesso in casa: sindrome di Stoccolma, mi sarò innamorato del virus?

Venerdì era passato nell’attesa, anzi a dir la verità ero stato parecchio preso con il lavoro; un mio collega romano, forse condizionato dai miei racconti, di ritorno da qualche giorno di ferie in Friuli con un po’ di mal di gola si è precipitato in farmacia a farsi fare il tampone veloce, fortunatamente negativo.

Sabato è passato cercando di cancellare questo periodo: la stanza d’isolamento è stata ribaltata e disinfettata, tutte le lenzuola asciugamani coperte cuscini pigiami insomma tutta la stoffa con cui sono venuto a contatto è finita sul balcone a decontaminarsi; la finestra è rimasta spalancata per due ore, per far uscire il residuo d’aria cattiva eventualmente rimasto, quest’ultima operazione non mi ha giovato granché perché quando ho ripreso il mio posto al computer, smanioso di mettermi in pari con i conti di casa, devo aver preso un po’ freddo e la sera ho iniziato a starnutire. Ho sistemato il vino appena arrivato in cantina, diciamo che al momento potrei superare anche una eventuale terza ondata; ho anche fatto i conti di quanto ho speso quest’anno di vino e mi si sono drizzati i capelli, già dritti di loro perché dovrò andare al più presto a tagliarli: chi vende vino non può certo lamentarsi del lockdown…

Cosa che invece fanno i benzinai, che hanno annunciato uno sciopero dalle 19 di domani a mercoledì; sicuramente quest’anno per loro è stato un anno magro, e mi sembra protestino perché la loro categoria non è rientrata tra quelle aventi diritto ai ristori; magari girando a loro un po’ degli utili indebitamente incamerati negli anni scorsi da Società Autostrade, qualcosa potrebbero recuperare.

Oggi, per tornare come dicevo alle vecchie abitudini, pranzo a casa di mia suocera: la Lombardia è da oggi zona gialla e quindi siamo potuti sconfinare nel paese in cui lei vive, a sette chilometri da qui; sembra che il governo sia orientato per Natale a permettere gli spostamenti almeno tra piccoli Comuni limitrofi, dove per piccoli si intende con meno di 5.000 persone; è abbastanza assurdo infatti che uno possa spostarsi per tutta Milano che ha più di un milione e quattrocentomila abitanti e non possa farlo tra due paesini che si toccano…  

Mia moglie sabato ha provato a fare la prima operazione di cashback dal panettiere. Bene, questo ha messo fuori un bel cartello “no cashback”. Sembra che per i piccoli esercizi ci sia un costo aggiuntivo che non tutti possono permettersi, io nella mia ignoranza pensavo che bastasse avere un Pos e invece non è così: le società che gestiscono i Pos devono aver fatto una convenzione con lo Stato, e l’aggiornamento dei sistemi viene in parte ribaltato ai commercianti, così però succede che una parte del cashback non la paga lo Stato ma i commercianti stessi, e come al solito saranno favoriti i più grandi, i supermercati o chi vende articoli già di per se stessi costosi… c’è anche la questione del costo per operazione, anche se ho visto che diverse società hanno deciso di non far pagare commissioni fino a 10 euro di spesa, però su loro iniziativa volontaria, sarebbe stato meglio imporglielo… ricordo anni fa a Goteborg, in Svezia, le carte erano accettate anche per le spese più minute dappertutto e addirittura dei negozi accettavano solo carte, niente contante… c’è anche una polemica sul fatto che tanti italiani sono stati disposti a dare i propri dati per i benedetti 150 euro quando magari si erano rifiutati di installare la app Immuni per non essere “tracciati”: in realtà io credo che ormai lo Stato non abbia più nessun bisogno che gli diamo i dati, ce li ha già… mia moglie ha registrato il Bancomat e le è bastato mettere il suo codice fiscale perché già le apparisse senza il bisogno di aggiungere nient’altro: ci siamo capiti, no?

Tornando a casa da mia suocera un grande fila di auto, chi in entrata e chi un uscita dalla città; ieri mio cognato che lavorava in città mi ha detto che in giro c’era una folla, evidentemente anticipando la zona gialla; è ovvio che pagheremo caro pagheremo tutto, come si diceva una volta. Entro l’estate pare che verremo vaccinati tutti (almeno chi vorrà, anche se c’è chi pensa di rendere il vaccino obbligatorio; non per fare la parte del no-vax ma non sono d’accordo su quest’ultima impostazione, considerando anche la fretta con cui questi vaccini sono stati fatti).

Non sono ancora andato a trovare il mio amico edicolante perché a mia volta sono andato ad inaugurare il cashback all’Esselunga comprando il giornale locale: domani chiederò a Giuseppe se ha intenzione di mettere il Pos, ma mi aspetto già la risposta… le notizie sono deprimenti: l’Egitto ha deciso di tenere ancora in prigione Patrick Zaki, ed è una vergogna; sulla vicenda di Giulio Regeni le nubi si stanno squarciando e quello che si sapeva fin dall’inizio è ormai certo, ovvero che il ricercatore è stato sequestrato e ucciso dall’apparato di sicurezza (i servizi segreti) di quel paese; nel contempo Macron riceve con tutti gli onori il presidente egiziano El-Sisi a cui sta vendendo un fracco di armi come noi peraltro, che gli abbiamo venduto due fregate per 1,2 miliardi di euro: se non lo facevamo noi l’avrebbe fatto qualcun altro si dirà, ed a chiederne conto si passa per anime belle: ma abbiamo visto nel passato tanti personaggi passare in poco tempo dallo status di stimati presidenti a quello di efferati dittatori pur continuando a fare esattamente le stesse cose che facevano prima, vedi Saddam o Gheddafi, chissà che prima o poi il vento giri anche per lui.

Ma la notizia che più mi ha addolorato è stata la morte di Paolo Rossi, il centravanti dell’Italia mundial dell’82, i mondiali con Pertini ad esultare sugli spalti del Santiago Bernabeu di fianco a re Juan Carlos, dell’urlo di Tardelli, della parata sulla linea di Zoff contro il Brasile, di Bearzot e la sua pipa… non avevo ancora 23 anni, fu un’estate felice resa ancora più felice da questa vittoria anche (e forse soprattutto, che nel calcio non si vince ai punti, bisogna segnare) grazie ai goal di Pablito, con il suo senso della posizione, la sua velocità, la sua scaltrezza, di questo ragazzo che incantava oltre che per la bravura per la simpatia, l’umiltà, il sorriso… Giustamente in questi giorni viene ricordato ovunque abbia giocato con commozione: per me quella fu l’ultima estate spensierata, poi vennero il lavoro, l’amore, la famiglia… qualcuno ha descritto quel momento come un’uscita corale dagli anni bui degli anni ’70, ma su questo non sono affatto d’accordo, fu una parentesi, un bel sogno: nemmeno due mesi dopo a Palermo in Via Carini la mafia uccideva il prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa, sua moglie Emanuela Setti Carraro e l’agente di scorta Domenico Russo, ed il buio divenne ancora più profondo.

Ma bando ora alle tristezza, amiche e amici: rallegriamoci per quanto abbiamo oggi, ieri è passato e domani ha da venire; stasera minestrone, e da domani cominceremo a pensare ai regali!

22 pensieri su “Finalmente libero!

  1. Evviva!
    (Se ci impongono il pos anche per le spese minute e magari il vaccino, vado in giro a tagliare cavi i di smartmacchinette e frigoriferi sanitari. Ma non lo faranno: per la semplice, “fortunata” ragione che sono degli inetti).

    Piace a 2 people

    • Tranquilla, per ora non c’è pericolo, stiamo comunque in campana… io a dir la verità userei il POS anche per le spese minute, ma per farlo bisogna che i piccoli esercenti non debbano pagare commissioni, anzi che gli venga anche dato un contributo, non penso costerebbe molto…

      Piace a 1 persona

  2. basta liberare un uomo da una schiavitù piccola, per fargli dimenticare quelle grandi e vere, vero?

    dai, sono contento per te, e anche per me, che adesso riprenderanno le tue cronache più frizzanti (e anche le signorine più discinte, immagino, ahaha).

    Piace a 1 persona

  3. Bellina lei! Ti assolvo dal non aver mostrato il resto che così, occhio e croce, prometteva di essere coinvolgente.
    Sapevo che il tampone sarebbe stato negativo ma adesso che la conferma è ufficiale… stasera il bicchiere lo bevo alla tua salute.
    Devi essere proprio in forma dal modo come hai recuperato in questo post degno della Divina Commedia, perchè c’è proprio tutto: Purgatorio, Inferno e Paradiso.
    Quanto al cashless, ci sono le lobbies da tempo in movimento come gli avvoltoi: conquistata l’Europa “evoluta” l’Italia rappresenta una buona preda. Si stanno muovendo colossi internazionali. Che poi, la “sicurezza” dei pagamenti…. quando gli hackers sono entrati anche alla NASA e è dimostrato che non c’è sito inviolabile.
    Le mani altrui in tasca sono da sempre pericolose molto!

    Piace a 1 persona

    • Sono contento che la ragazza ti sia piaciuta, è una tedeschina addolorata bisognosa di conforto. Sul fatto che le lobby del cashless si siano mosse non c’è dubbio, in Italia c’è parecchio spazio, e anche solo incrementare i clienti di un 10-20%, sono miliardoni… sotto lo slogan della lotta all’evasione, ma chi evade continuerà a farlo, non sarà il Cashback a fermarlo…

      Piace a 1 persona

  4. Non solo negativo, Gio’, pure immunizzato ormai 😉
    Zona gialla, sì, ma con quello che c’è stato un giro mi sa che presto ritorneremo al rosso. . che fa tanto Augurio di Buon Nuovo Anno. Baaah… io non ho messo il naso fuori dall’uscio ieri, ma oggi mi rifaccio ^_^ prima che mi richiudano i negozi devo comprarmi una sciarpa e un paio di stivali… senza cashback :-/ perché l’applicazione non mi vuole. Poco male, dai… tanto il tetto non lo raggiungo 😀

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...