Ferragosto con Olena (XVIII)

Il convento delle Suore della Carità del Beato Turoldo Cesanese del Piglio è situato in una collinetta che sovrasta Ladispoli. Per arrivarci c’è un’unica strada sterrata, dove a fatica si incrociano due auto.
Il convoglio di quattro pick-up Toyota si avvicina, alzando una nuvola di polvere.
Dal campanile della chiesetta suor Pulcheria, posta a vedetta munita di binocolo, li vede arrivare e comunica con la radio-trasmittente:
«Stanno arrivando. Passo.»
«Suor Pulcheria non giocare alle spie. Scendi subito e vai al tuo posto. Passo e chiudo»
I pick-up varcano l’arco del cortile, delimitato da un alto muro di cinta, e si dispongono a raggiera, ad una decina di metri l’uno dall’altro.
Gli occupanti scendono e si dispongono dietro, al riparo, con le armi spianate.
Poi, ad un cenno del capo, due di loro si staccano e si avviano verso il portone, dove bussano con decisione con il pesante battente di metallo.
Si sente uno scalpiccio di passi, poi si apre uno sportellino e compare la faccia angelica di suor Burialda, che amorevolmente chiede:
«Pace e bene, fratelli. Cosa vi guida al nostro convento?»
Uno dei due, sgarbatamente, risponde: «Suora, siamo venuti a prendere quello che sapete. Apriteci e consegnateci il Santone, e nessuno si farà male»
La suora guardiana sfodera il suo miglior sorriso, e risponde modestamente: «Temo, cari fratelli, che questo non sia possibile…»
All’udire la risposta l’uomo comincia ad inveire: «Che dici, corvaccio! Apri immediatamente o ti faccio saltare la porta!» e si avvicina minacciosamente alla finestrella, trovandosi però davanti la canna di un AK-47 Kalashnikov con la quale l’esperienza gli suggerisce di non avere discussioni.
«Ma che diavolo…» scappa detto al soldato che, cominciando ad intuire che qualcosa non sta andando secondo i piani, si gira verso il capo per ricevere istruzioni.
Quasi simultaneamente dal campanile, dalle stalle, dal boschetto alle spalle e da una feritoia nel muro di cinta quattro razzi vanno a colpire i pick-up, facendoli saltare in aria.
E’ solo il segnale dell’inizio di una fitta sparatoria; gli uomini nel cortile si trovano sotto un tiro incrociato che li martella; quelli che non sono caduti cercano di riorganizzarsi e guadagnare l’uscita.

Nella cantina il Vescovo Ardizzone grida all’assistente: «Che diamine stanno facendo là fuori, don Martino, le prove dei fuochi artificiali? Vedi che succede a lasciare troppa autonomia alle donne, altro che sacerdozio e balle simili! Vorrei sapere chi paga il conto!» poi, sconsolato, prende dalla rastrelliera una bottiglia, la stappa, si siede sulla panca ed inizia a bere.

Dalla torretta del Panzer V Panther appostato al di fuori del convento, una vecchietta osserva beffarda lo stupore degli uomini che, credendo di essere ormai in salvo, si trovano invece davanti un carro armato della Seconda Guerra Mondiale. La vegliarda spara una raffica di mitragliatrice ai piedi dei fuggitivi, giusto per far capire che aria tira, scaracchia potentemente e poi intima loro:
«Mettete giù le armi, finocchietti. I miei amici qua dentro hanno una gran voglia di provare il cannone, io li ho sconsigliati perché potrebbe anche scoppiare ma sapete, gli anziani sono testardi…» li sfida ridacchiando.
I russi, vista ormai la mala parata, buttano le armi e si inginocchiano con le mani dietro la testa.
«Ecco, bravi. Vedo che sapete già come si fa» dice nonna Pina, e da dietro il carro sbucano Oscar ed Agostino, che imbracciando dei mitra si affrettano a prendere in consegna i prigionieri. Dalla torretta sbuca il testone di Armando:
«Ve l’avevo detto che questo gioiellino prima o poi ci sarebbe servito…» accarezzando il panzer che ha tenuto nascosto per decenni nel magazzino degli attrezzi.

I pochi uomini rimasti in piedi, dentro al cortile, si stringono intorno al capo.
Il silenzio che è calato, rotto soltanto dal rumore delle fiamme che avviluppano le auto, è spezzato ad un tratto da una musica che prorompe dall’altoparlante piazzato sul campanile.
Союз нерушимый республик свободных
Сплотила
навеки Великая Русь.
Да
здравствует созданный волей народов
Единый
, могучий Советский Союз!¹
I russi si guardano in faccia, sconcertati: che diamine c’entrano le suore con l’inno dell’Unione Sovietica?

Aprendo la seconda bottiglia di Grechetto il Vescovo Ardizzone ascolta risuonare l’inno e commenta: «Cazzo, don Martino, i comunisti hanno preso il convento. Povere suore, faranno la fine dei chierichetti» poi, porgendo un bicchiere all’assistente, gli dice: «Bevi don Martino, prepariamoci alla resistenza!»

Nella sorpresa generale, la porta del convento si apre e ne esce una piccola delegazione: davanti, sventolando una bandiera rossa, Ljudmila in minigonna con in testa la corona di Galla Placidia; seguita da Ivan, Petr, e Victor, che reggono un lanciarazzi ciascuno.
Il gruppetto si ferma per far passare quello che è in tutta evidenza il loro comandante; la musica si interrompe e, fieramente, il capitano Olena Iosifovna Smirnova, in divisa dell’Armata Rossa, avanza verso i superstiti. Olena fissa freddamente gli uomini davanti a sé, che indietreggiano timorosi; solo uno rimane al suo posto, sostenendo il suo sguardo. Olena lo squadra impassibile, poi con voce gelida lo saluta:

«Bentornato, colonnello Levchenko» sottolineando con disprezzo il grado dell’uomo.
«Olena?» dice il russo, portandosi una mano alla fronte a coprire il riverbero del sole. «Un’entrata scenografica, complimenti… hai pensato a tutto, come al solito… persino la bandiera, vedo» constata Levtchenko, con una risatina nervosa.
«Proprio così, Evgeni… la mia bandiera non è cambiata, a differenza di qualcuno…»
«Capisco, naturalmente… il capitano Smirnova, l’incorruttibile. E quei traditori?» chiede indicando i suoi tre ex-sodali. «Come hai fatto a convincerli?»
«Dovresti dirmelo tu, caro Evgeni, sei tu l’esperto di tradimenti… mi è bastato di minacciarli di fargli esplodere la microcarica esplosiva che gli ho fatto inghiottire, sai com’è, a volte basta un piccolo incoraggiamento… a te invece cos’è servito, Evgeni?» chiede Olena con la voce carica di delusione.
«Olena, lascia che ti spieghi…» prova a dire il colonnello.
«Taci!» intima la donna. «Cosa vorresti spiegare? Hai fatto credere di essere morto, hai tradito e venduto tutti i tuoi compagni, per che cosa Evgeni, eh, per che cosa?»
«Tu non sai di che parli, mia cara… siamo stati traditi tutti, tutti! Solo gli stupidi come te non se ne sono accorti! Un attimo prima eravamo tutti sovietici, e un attimo dopo abbiamo cominciato a spararci addosso! Che ne era rimasto del nostro sogno, della nostra grandezza? Nazionalisti, integralisti, accaparratori… e io avrei dovuto farmi ammazzare per questo, mentre banditi e mafiosi rubavano, arricchivano, prosperavano? Ho tradito, dici? Si, qualcuno è morto, danni collaterali, sarebbero morti lo stesso e se non fossero morti in guerra sarebbero morti comunque al ritorno, gonfi di vodka fino a farsi scoppiare il fegato… No cara, non era certo quello il mio destino!»
«Il tuo destino?» commenta Olena con disprezzo. «Il tuo destino era quello di diventare un ladro, un traditore, un assassino? Senza nessun onore, nessuna morale?»
«Ah, ah, come siamo diventati sentimentali! Morale, dici… non mi pare che tu ti sia mai tirata indietro quando c’è stato da far fuori qualcuno…» dice sarcastico il russo.
«Io ero un soldato!» grida Olena, fremendo di indignazione. «Combattevo per la mia Patria, mentre quelli come te la vendevano pezzo a pezzo! Io facevo il mio dovere!»
Evgeni applaude, lentamente. «Ma che brava… eppure, cara mia, non siamo tanto diversi, noi due…c’è chi è nato per dominare, e chi per essere dominato.» Poi, avvicinandosi, le sussurra all’orecchio: «Sei ancora bella, Olena… ti ricordi come ci sentivamo quelle sere, nudi nella neve, dopo la sauna? Come pulsava il sangue nelle vene? Eravamo vivi, Olena, vivi! Possiamo esserlo ancora, insieme, tu ed io… torna con me Olena, ti ricoprirò d’oro, lascia stare questi pezzenti!» dice il russo, indicando le suore ed i vecchi che si sono fatti intorno.
Olena alza il viso verso il sole, ed un raggio si riflette nei suoi occhi azzurri e va a colpire il volto rugoso dell’ex-colonnello.

«L’uomo che amavo,» scandisce lentamente «mio marito, Evgeni Nikolaevič Levchenko, è morto in Cecenia. Era un eroe. Qui vedo solo un patetico omuncolo accecato dall’avidità… un assassino, un torturatore, un sadico, un pazzo senza dignità. Uno squallido rinnegato sottomesso al dio denaro, ai soldi…»
«Soldi! Si!» ruggisce il colonnello, raddrizzando le spalle. «Macchine, donne, gioielli, opere d’arte, perché dovrei lasciarle a chi non le merita, a chi non sa gustarle? A chi non le apprezza, non le capisce, non ne è degno! Io lo voglio, lo merito! Guardati, Olena! Potresti passare tutte le tue sere all’Opera, in vacanza ai Caraibi, cenare nei migliori ristoranti, e sei qui, con delle monache! Ed il pazzo poi sarei io! Ah, ah, ah!» ed il colonnello conclude con una risata di scherno il suo monologo.

Olena rivolge uno sguardo all’uomo che ha davanti con un’espressione che assomiglia alla compassione. Gli si avvicina, ed estrae dalla tasca destra della giacca una medaglia attaccata ad un nastrino.
«Colonnello, questa è la medaglia al valore che mi è stata data dopo la vostra morte. Ve la restituisco» e gliela appunta al petto.
Poi estrae dalla fondina la sua fedele Tokarev TT-333 e mormora: «E’ finita, Evgeni. Tra poco arriverà la polizia, passerai il resto della vita in carcere». Gli punta la pistola in fronte, ma poi ci ripensa, la gira e gliela mette in mano.
«C’è un colpo solo, Evgeni. Fai la cosa giusta». Lo bacia velocemente e si allontana, voltandogli le spalle.
Evgeni Levchenko, con la pistola in mano, rimane per un attimo pensieroso. Poi prende una decisione, alza la pistola ed avvicina la canna alla bocca, ma all’improvviso una smorfia di odio gli stravolge i lineamenti, punta la pistola verso la schiena di Olena e spara.

Le suore assistono inorridite; Olena, sorpresa, si gira lentamente, ma ancora in tempo per cogliere lo stupore dipinto sulla faccia del suo ex marito, e la macchia di sangue che si allarga sotto la decorazione che gli ha appena appuntato.
«Devo essermi scordata di caricare la pistola come mi avevi detto» dice suor Pulcheria stringendosi nelle spalle, mentre Virginio Tempesti detto il Santone stringe ancora in mano la pistola con la quale ha fulminato l’assassino di sua moglie.

PanzerV_Ausf_G_1_sk

¹ La Grande Russia ha saldato per sempre
Un’unione indivisibile di repubbliche libere!
Viva l’unica e potente Unione Sovietica
Fondata dalla volontà dei popoli!
(tratto da Inno dell’Unione Sovietica – versione del 1944. Fonte: Wikipedia)

18 pensieri su “Ferragosto con Olena (XVIII)

    • Si ha ragione, sembra in effetti che mi voglia liberare da un peso ed è in parte vero… dovevo finire in qualche modo questa storia perché altrimenti non ce l’avrei fatta nemmeno per il prossimo Ferragosto! L’idea iniziale era di farli fuori tutti, così non avrei più avuto la tentazione di scriverne ancora!

      "Mi piace"

    • Così l’ho fatta pagare a Levchenko, al suo posto avrei volentieri messo l’inventore della fattura elettronica ma non l’avevo sotto mano… 😊 ho paura a rileggermi perché sono sicuro di aver fatto tanti di quegli strafalcioni ma nonostante la simpatia per i personaggi mi stavano soffocando! Capisco Camilleri (con le dovute proporzioni e la massima ammirazione) che ogni tanto vorrebbe ammazzare il suo Montalbano…

      "Mi piace"

        • Il cavalier Rana voleva invadere la Cina con i tortellini, Di Maio con le arance! Troppo buffo… che poi se non ho capito male si tratterebbe di mandarle con gli aerei, nemmeno con i container… che poi mi chiedo: ma se i cinesi volevano le arance chi gli impediva di comprarle, già adesso, ci voleva un accordo bilaterale? Speriamo che non vogliano comprare anche gli aranceti oltre agli aranci…

          "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...