Ferragosto con Olena (VIII)

Oči čёrnye, oči strastnye,
oči žgučie i prekrasnye,
kak ljublju ja vas, kak bojus’ ja vas,
znat’ uvidel vas ja v nedobryj čas.¹

Dalla collinetta che sovrasta la pista di atterraggio della Rana Airlines nonna Pina, in piedi sotto un bersó che la protegge dai raggi del sole, a distanza utile da una bottiglia di prosecco di Valdobbiadene opportunamente immersa in un cestello pieno di ghiaccio, canticchia una vecchia canzone russa musicata da un suo vecchio spasimante² mentre osserva con un binocolo della Regia Aeronautica la bella Olena che, all’interno dell’hangar distante un centinaio di metri dal punto di osservazione, indossata una tuta da meccanico con la sigla CCCP sul dorso e con in testa un fazzoletto da contadina kolchoznica armeggia intorno ad un vecchio aeroplano sovietico Antonov An-2.
La ultracentenaria scuote la testa, preoccupata.
«Generale, è da una settimana che Natascia sta lavorando su quel trabiccolo. Che sta combinando, ne hai un’idea?» chiede a Po, che sta eseguendo i consueti esercizi di Tai Chi con la racchetta elettrica.
Il cinese abbandona la posizione dell’airone operoso, prende il binocolo ed osserva attentamente la russa al lavoro. Dopo qualche istante annuisce, compiaciuto.
«Lagazza usale con glazia chiave del sedici. Avuto buon maestlo!»
«Generale, tu sei un profondo osservatore dell’animo umano» lo elogia nonna Pina. «Detto tra noi, se in questo paese ci fosse più gente capace di maneggiare una chiave del sedici senza schiacciarsi le dita saremmo in condizioni migliori. Ma, a parte questo appunto strettamente tecnico, non hai notato nient’altro? L’ho vista smontare delle mitragliatrici e mettere al loro posto dei serbatoi di diserbante, non è da lei»
«Suo sgualdo offuscato da velo di tlistezza. Sospila, e a intelvalli legolali scluta l’olizzonte con occhi umidi come di lugiada al mattino. Comunque non essele selbatoi di diselbante ma lancialazzi» precisa il cinese.
«O saggio Po, mi intenerisce questo tuo animo poetico, e se avessi una trentina d’anni in meno te lo dimostrerei fattivamente. Tuttavia non mi pare che la tua rappresentazione sia verosimile: è evidente che Natascia non è Madame Butterfly ne mai lo sarà, se afferri quello che voglio dire. E insisto, sono serbatoi di diserbante, li avevo ordinati personalmente per irrorare gli esodati bancari messi al lavoro nei campi di patate delle nostre coltivazioni nella Piana del Fucino»
«Eppule, lancialazzi o no, ella sta sofflendo» insiste Po, cercando la posizione ginnica più consona all’affermazione, senza peraltro trovarla.
«Mmhh, sei sicuro che non si tratti di noia? Da quando mio nipote è venuto a mancare non c’è più stato bisogno di salvare il mondo, mi pare» chiede dubitativamente nonna Pina. «No, hai ragione tu Po, c’è qualcosa sotto. Saranno pene d’amore? Le peggiori, quelle non le risolvi sparando, o almeno non sempre. Che consiglio mi dai, ci sarà qualcosa che posso fare? »
«Pàllale, nonna Pina, pàllale» conclude Po, e con un inchino saluta la vegliarda e torna ai suoi esercizi.

«James caro, il caffè che ci hai servito è una meraviglia, non è vero?» chiede Gilda alle sue ospiti, la sua compagna di gioventù Marisa, ora suor Matilda, e la giovane entusiasta suor Pulcheria. «Di che si tratta stavolta?»
James, lusingato, fornisce le spiegazioni del caso: «Si tratta di mascaracoffea del Madagascar, un caffè selvatico privo di caffeina, miscelato con varietà Arabica. E’ corroborante, se posso usare questo termine»
«Che tu sappia c’è una dose massima consigliata, James? Se nulla osta, più tardi preparane una cuccuma per il nostro Svengard, sento che ne avrà bisogno»
«Nessuna controindicazione signora, tra l’altro il nostro fornitore è appena passato e ce n’è una discreta quantità» assicura James.
«Ottimo, ottimo!» dice Gilda battendo le mani, tornando subito all’oggetto della riunione:
«Hai saputo qualcosa dal tuo amico battitore, James?»
«Ehm, ecco, signora…» James, leggermente imbarazzato, si schiarisce la voce. «Il mio amico Serge, che prima di essere esperto di aste è archeologo, e tra parentesi è proprio in queste vesti che l’ho conosciuto, e precisamente durante una campagna di scavi a Mykonos a cui partecipavo come attaché culturale del…»
«Mykonos?» lo interrompe Gilda. «Mi sembra di aver sentito che sia un luogo ameno da visitare, non è vero James? Feta e sirtaki, sirtaki e feta, e pesce di ogni misura. Ma dunque caro, cosa dice il tuo amico?» chiede la Calva Tettuta, sottolineando forse eccessivamente la parola “amico”.
«Il mio ami.. ehm, Serge, mi ha richiesto delle foto particolareggiate, che gli ho subito inviato. Delle monete, intendo» precisa James, cogliendo l’occhiata interessata di suor Pulcheria.
«Dopo qualche minuto mi ha richiamato, agitatissimo, chiedendomi dove fosse il resto.»
«Il resto?» chiede Gilda. «Quale resto? Marisa, sai qualcosa di resti?»
«No, assolutamente, tutto quello che abbiamo trovato è in quel sacchetto…»
«Eppure Serge afferma di aver già visto quelle monete. Gliele mostrò, per una valutazione, una persona originale che si presentò come collezionista: ma le monete non erano sole.»
«Ah, no? E cosa c’era insieme, James? Quando fai così mi ricordi Alberto Angela³. Ci tieni così tanto sulle spine che mi aspetto da un momento all’altro tu faccia partire la pubblicità.»
«Chiedo venia, signora. Lo stesso Serge rimase a bocca aperta nel vedere il reperto (tra l’altro ha una bellissima dentatura), di una finezza e di una preziosità senza pari. Si trattava di uno scarabeo d’oro, tempestato di ogni sorta di pietre preziose, regalo di Re Ataulfo dei Visigoti a Galla Placidia quando la prese in sposa, e se ne erano perse le tracce da centinaia di anni.»
«Marisa, qua il mistero si infittisce. Mi sfugge cosa c’entri il tuo santone con Galla Placidia ma devo ammettere di non essere esperta di santoni. A questo punto però ti do ragione cara, bisogna assolutamente ritrovarlo.» Poi, rivolgendosi al maggiordomo, dirama l’ordine di battaglia:
«James caro, recapita la cartolina precetto a Natascia e truppa. Si va in convento»
«Provvedo subito, signora» risponde James, apprestandosi a rinculare.
«Un attimo James» lo frena Gilda, presa da un dubbio improvviso.
«E il dress code?»

«Per il convento, signora, è consigliato l’abito scuro.»

SupposedminiatureofGallaPlacidiaontopofadestroyedcitypaintedbyThomasCole(1801–1848),both[PublicDom

¹ L’autore ha una padronanza del russo imperfetta per cui si affida alle note di Wikipedia:
Occhi neri (russo Очи чёрные, Oči čёrnye (da pronunciare Oci ciornie):
Occhi neri, occhi appassionati
occhi infuocati e bellissimi,
quanto vi amo, quanto vi temo,
di sicuro, vi ho scorto in un momento sfortunato.
² E’ degno di orgoglio che l’autore della musica di una delle canzoni russe più famose al mondo sia  stato un italiano: il maestro Adalgiso Ferraris!
³ Il giovane Angela è un maestro della suspence. L’autore è un fan sfegatato della prima mezzora di “Ulisse il piacere della scoperta”.

Annunci

26 pensieri su “Ferragosto con Olena (VIII)

      • un finesettimana “romantico” di 15 anni fa a Ravenna… il mausoleo di Galla Placida, il mio incanto davanti ai colori di quei mosaici , la loro minuziosa precisione, la luce di quelle stelle…
        tutto questo mi è tornato in mente, direi quasi con la stessa emozione di allora, non appena ho letto il nome.
        E niente, son proprio matta come un cavallo! ahahah

        Piace a 1 persona

        • Si il mausoleo è davvero bellissimo, io sono riuscito a vederlo con calma solo l’anno scorso (altre volte sempre di corsa) in un fine settimana romantico anch’esso, funestato da una multa che mi hanno appioppato per essere andato alla velocita supersonica di 57 km/h. Ci tornerò, cercando di non superare i limiti…

          Mi piace

    • L’ambiente all’apparenza è ameno e persino bucolico, con grandi prati verdi dove crescono speranze. Solo all’apparenza però perché le suore nonostante tutto sono donne con le gonne ed i baffetti.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...