Antigua è nostra!

Appena passato il centenario della rivoluzione di ottobre nella quale si celebra la gloriosa rivoluzione sovietica si viene a scoprire, grazie ad una benemerita inchiesta giornalistica, che nei paradisi fiscali, cioè in quegli stati dove ricconi senza vergogna vanno a mettere i soldi per non pagare le tasse, è custodito il 10% del Pil mondiale.

Questo reato andrebbe a mio avviso considerato non come evasione fiscale ma come crimine contro l’umanità; e non mi sembra di esagerare perché, citando l’organizzazione Oxfam: “L’evasione ed elusione fiscale delle corporation sottraggono ai paesi più poveri 100 miliardi di dollari l’anno, sufficienti per mandare a scuola 124 milioni di ragazzi e salvare la vita di 6 milioni di bambini.
In Europa e negli Stati Uniti rispettivamente sono 76 miliardi di dollari all’anno e fino a 135 miliardi di dollari all’anno le stime dell’ammanco erariale riconducibile a pratiche di abuso fiscale (evasione ed elusione fiscale) da parte delle imprese multinazionali.”

Allora mi pare evidente che per rimediare a questa situazione di ingiustizia bisogna apportare due correttivi: a) eliminare i paradisi fiscali b) eliminare i ricconi senza vergogna.
Personalmente non sono così pacifista da escludere l’eliminazione fisica, così come l’utilizzo dei paradisi fiscali come terreno di test per nuovi sistemi di armamento; secondo me fanno più danno al mondo questi paesi e queste persone che i vari Saddam-Gheddafi e compagnia bella che andiamo di quando in quando a bombardare democraticamente.

Poiché abbiamo appena celebrato il 4 novembre, festa dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate (una volta era la ricorrenza della vittoria sugli austro-ungarici, poi da un certo punto non è stato più possibile dirlo, politicamente scorretto), suggerisco di usare le nostre gloriose Forze Armate per un’impresa degna dei fasti del passato: l’invasione di Antigua!

Perché proprio Antigua direte, è un po’ lontanina! Obiezione ragionevole, si potrebbe anche attaccare la Svizzera o il Lussemburgo che sono più vicine, ma non hanno il fascino caraibico e piratesco di quest’isoletta. Tra l’altro un nostro anziano ma sempre valido ex-premier vi aveva una sobria villa detta “il castello”, dove in molti avremmo gradito che si fosse ritirato a vita privata invece di rimanere qua a romperci le palle cercare di salvarci prima dai comunisti ed ora dai populisti. Che detto da lui fa anche un po’ ridere, che ha fatto del culto della propria personalità  un programma politico ed è alleato di noti liberali come Bossi prima e Salvini adesso, per non parlare dei fratelliditaliani.

A proposito di populisti, mi sembra condivisibile la dichiarazione di Mr. Trump all’indomani dell’ennesima sparatoria in Usa: “Abbiamo molti problemi di salute mentale, così come li hanno altri Paesi”, tant’è vero che è stato eletto; solo che da noi la gente ancora non va in giro a sparare ai concerti o nelle chiese, e giusto per parlare di salute mentale va riportata la dichiarazione del procuratore generale del Texas: “la strage di fedeli nella chiesa di Sutherland Spring dimostra che c’è bisogno di più parrocchiani armati che possano rispondere a tono a minacce simili. Non si possono tenere le armi lontane dalle mani di persone che intendono violare la legge. L’unica cosa che ferma un uomo cattivo con la pistola è un uomo buono con la pistola.”.

Di non dare la possibilità di possedere armi a cani e porci non se ne parla; così come sicuramente non passerà nemmeno per la mente dei delegati all’Onu di dichiarare fuorilegge i paradisi fiscali e trasferire al Tribunale Internazionale dell’Aja i farabutti che vi portano i propri capitali (perché Milovesic si e loro no?).

Perché secondo me , mi sbaglierò, ma la cuccagna non durerà ancora a lungo, come ci ricordano Gino&Michele: anche le formiche, nel loro piccolo, s’incazzano.

(171 – oggi Antigua, domani il mondo!)

antigua_girl

Annunci

25 pensieri su “Antigua è nostra!

  1. Antigua è stata già “usate ” da Reagan,per riposizionare gli Usa dopo gli anni dello chock post Vietnam. Qui si fanno -embarghi -a man salva,contro chi è “antipatico “agli occidentali, ma certo non agli “inferni fiscali “.personalmente sono un estimatore delle FFAA, ma invito alla prudenza per un invasione della CH, potrebbero contrattaccare proprio nel Comasco (se ci occupano Villa d’Este sarebbe una grave perdita dopo il passaggio di Di Maio! ). …cordialità

    Piace a 2 people

  2. Come non essere d’accordo? Parola per parola. E sia per lo scenario globale che quello tristemente squallido nazionale.
    Solo, temo, che se anche si avverasse la giustizia da te auspicata con relativa confisca dei tesori – i pescecani attuali sarebbero subito sostituiti da squali altrettanto uguali alla faccia dei bambini del pianeta.
    Se non fosse così il mondo sarebbe già cambiato: sono passati due millenni dopo Gesù Cristo, e anni dopo Budda, San Francesco, Gandhi ecc., abbiamo calendari traboccanti di martiri e santi – ma si è arrivati addirittura a strumentalizzarli e a rubare e a uccidere in nome loro. (Ops, dimenticavo Maometto, nella lista dei profeti.)

    Nota: apprezzato il tocco finale… la ciliegina sulla torta (al cioccolato).

    Piace a 1 persona

  3. I paradisi fiscali da occupare? Impossibile farlo: sono già troppo occupati. Addirittura non c’è più spazio nemmeno per farci un sonnellino. Del resto sono funzionali al capitalismo, alla finanza ed a tutti quelli che ci hanno qualche soldo sotto il cuscino. Persino i governi ci ricorrono, per recuperare qualche centesimo da azzardare nelle borse mondiali. Ricordo che un giorno, mi pare che Ciampi fosse ancora presidente, era venuto a galla lo scandalo delle banche nazionali che investivano in gran segreto da quelle parti, per poi ricavarci qualcosina per far tornare i conti in patria. Perchè si sa: nemo è conte in patria, se non ci ha un buon conticino in paradiso…
    A proposito di Trump: che ne diresti di lanciare una petizione per ottenere la par condicio anche sulle stragi in USA?Perdiana siamo o non siamo nella patria della libertà e della democrazia? Non è giusto che un terrorista dell’Isis debba faticare in concessionaria, per trovare un pick up misero, per portare a termine il suo progetto stragistico con gran fatica. Mentre a un bianco e pazzo, gli basta firmare un foglio che non è folle, per agevolmente menare strage in giro e con gran profitto ed armi sopraffine. Trovo che ci sia una grande ingiustizia in tutto ciò. Senza poi dire che, al terrorista dell’Isis si dedicano paginate e paginate di giornali, media vari e proposte di sicurezza a volontà……..

    Piace a 2 people

    • Mi accorgo giorno dopo giorno che gli Stati Uniti dono un mondo affascinante ma alieno. Non lo capisco e probabilmente non lo capirò mai, poco male, tra le tante cose che non capisco… non c’è da sperare che riescano a fare 2+2: più armi in giro = più morti ammazzati. Per loro è sempre 2=3… per ogni morto ammazzato ci vogliono più armi in giro. Che dire, contenti loro… non sono mai stato negli Usa, ma l’idea di essere bersaglio di qualche psicopatico non mi alletta troppo.

      Piace a 2 people

      • … E’una questione di mito fondante: gli Stati Uniti sono cresciuti con un fucile in pugno ai milioni di pionieri da tutto il mondo che si inoltravano in quelle terre selvagge e non loro.
        Io interpreterei, questo mito, come la coscienza del ladro che non vuole farsi derubare in casa propria. E noi ne sappiamo anche qualcosa di questo, vero?

        Piace a 1 persona

        • Nell’essere pionieri, alla ricerca di nuovi spazi, c’e’ una positivita’, un dinamismo vitale… forse tutti (occidente) cominciamo a sentirci pressati da altri pionieri, e temiamo di fare la fine degli indiani… sulle armi penso che non le abbandoneranno mai, finché qualcuno, quando l’impero crollerà, non li costringerà.

          Piace a 1 persona

          • Io piuttosto credo che le deporranno solo dopo morti, magari ammazzati dai loro vicini di casa. Io conosco poco gli USA, sono stato in California, nel Nevada e di passaggio a New York, però so che non c’è una saldezza così monolitica tra uno stato e l’altro. E che, se tanto mi dà tanto, sono molto vicini ad implodere come unione: sorgono milizie pewr ogni dove, armate fino ai denti e che vogliono salvaguardarsi dallo stato centrale e pure dagli stati che considerano perversi e malvagi perchè liberal…

            Piace a 1 persona

    • L’accostamento cromatico in effetti è quello che più ho notato nella foto. Mi sono detto: ma guarda ad Antigua come indossano bene l’arancione! Se non fosse stato così avrei proposto di invaderli per fargli cambiare stile, se lo sarebbero meritato!

      Piace a 2 people

    • Tasto dolente quello dei politici… di solito cerco di non fare di ogni erba un fascio, anche se è difficile distinguere a volte tra opportunisti, approfittatori, carrieristi, veri e propri malavitosi. Nel tempo ho maturato consapevolezza che se tante persone perbene non si fossero tenute lontane dalla politica e se tanti italiani (ma vale per tutto il mondo, a dir la verità) non si fossero ostinati a votare sempre per gli stessi ad onta di ogni evidenza (e continuano: prendiamo oggi la Sicilia… uno di quelli appena eletti arrestato due giorni dopo le elezioni!) le cose sarebbero andate meglio. E’ una autocritica anche, la politica mi è sempre piaciuta ma ho sempre evitato di impegnarmici a fondo. Riguardo alla politica attuale, l’ho scritto più volte e probabilmente lo farò ancora, per me la cosiddetta seconda repubblica ha deluso tutte le aspettative e tornerei volentieri alla prima (anche per una questione anagrafica), ma come diceva quel tale indietro non si torna, e ci tocca tenerceli. D’accordo sul togliere i privilegi (a parole sembrano quasi d’accordo anche loro), sulle tasse la mia visione è molto progressiva. Chi più guadagna più deve pagare, non mi inteneriscono i milionari che chiedono le riduzioni delle aliquote come se facessero un regalo ai poveracci. In sostanza se si tratta di abbassarle ai redditi bassi ci sto, ma per tutti indistintamente no, anzi (lo so che poi quelli la usano come scusa per andare ad Antigua, facciano pure, tanto io li invado 🙂 ) . Grazie dei complimenti, a presto.

      Piace a 1 persona

  4. In un suo commento recente accennava a un suo proposito di viaggio a Mosca. A parte il periodo calcistico -confusione -il periodo estivo Mosca è una fornace anche se comprendo la comodità delle vacanze.Se mi indica il periodo. ..posso indicarle qualche indirizzo. (Mosca invernale è splendida! (In coppia molto -!!-romantica )cordiali saluti

    Piace a 1 persona

    • Mi converrà anticipare, allora… magari a maggio… mentalmente non sono ancora pronto per l’inverno russo, penso sempre a Napoleone! 🙂 sul viaggio romantico ha ragione, vorrei andare a festeggiare trent’anni di matrimonio, solo che mio figlio ha detto che non ci lascia andare da soli ( mica per paura di perderci, eh! Per sfruttare il viaggio pagato! 🙂 ) In cambio però pretenderò che ci faccia da Cicerone nei musei. Le farò sapere, grazie!

      Mi piace

      • Se anticipa,sarebbe meglio fare combaciare il Vs viaggio con la giornata della vittoria (è una occasione di vedere i veterani soviet con le loro medagliate imponenti! ) con parata annessa. …..le “sconsiglio hotel amerikkani! …..cordialità

        Piace a 1 persona

  5. Avevo qualche perplessità sulla tua proposta (perché proprio Antigua, mi domandavo), poi ho notato la documentazione fotografica che hai accluso e direi che mi hai convinto! 🙂
    L’affermazione del procuratore generale del Texas assomiglia in modo sospetto alla celebre frase di Clint Eastwood in Per un pugno di dollari (“Quando un uomo con la pistola incontra un uomo col fucile, quello con la pistola è un uomo morto”) e temo che molti americani siano non solo d’accordo ma proprio come lui, cioè come il procuratore: convinti di vivere in un film western. Se non fosse che come al solito finisce per andarci di mezzo gente innocente, verrebbe da pensare che si ritrovano i procuratori che si meritano. Poi mi viene in mente con quali e quanti fenomeni in ruoli istituzionali ci ritroviamo noi, e mi torna spontaneo ripensare ai Caraibi: quando si parte per Antigua? 🙂

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...