Pedrito el Drito

Di solito le catene di Sant’Antonio con me non attecchiscono. Diciamo che non possiedo il pollice verde per la perpetuazione e la moltiplicazione di quei messaggi di contenuto sdolcinato che finiscono con “mandala a 10 persone a cui vuoi bene”, a volte minacciando sciagure in caso di interruzione.

Non do soddisfazione neanche a chi mi invita a giocare a Candy Crush Saga, Criminal Case o pur anco Mafia War: non abbiatevene a male, amici, ma l’ultimo gioco che mi ha visto protagonista sul PC è stato il Tetris, nel quale senza modestia ero arrivato a livelli eccelsi, grazie all’allenamento effettuato in pausa pranzo presso un ignaro cliente.

Credo, ma non ho le prove, che all’origine dell’incitazione “mandala” ci sia dell’ignoranza, intesa senza offesa come deficit di conoscenza; l’ignorare appunto la differenza tra mantra vedici, di cui queste tiritere sono spesso ricicciature maccheroniche, e mandala che è invece un disegno simbolico; da parte mia non ho alcun imbarazzo nel confessare di non capire un’acca ne di mantra ne di mandala, per cui lascerei la mia intuizione nel campo delle ipotesi.

Essendo una persona notoriamente accorta, come mi pare di aver spiegato, rifuggo da atteggiamenti che potrebbero sollevare malintesi. Il “vuoi bene” copre una gamma che va dal “mi sei cara” al “vorrei scoprire il tuo tatuaggio ombelicale”: l’accusa di broccolamento è sempre in agguato dietro l’angolo. Dichiaro qua cari amici, e specialmente care amiche presenti nei miei contatti social, che se doveste ricevere a mio nome tali inviti sappiate che le intenzioni non sono mai men che paterne, o fraterne, o zierne.

Siccome sono generalmente empatico verso il prossimo,  salvo riceverne occasionalmente qualche delusione, mi riesce difficile scegliere i dieci a cui inoltrare la missiva. I dieci migliori amici? Con che criterio? E’ un po’ come quando, nei primi pensierini (era ancora presto per chiamarli temi) delle elementari, la maestra ci assegnava per compito: “Parla del tuo miglior amico”. Imbarazzantissimo scoprire che quello che avevi designato come miglior amico non ti corrispondeva nemmeno come terza o quarta scelta. Era fatto divieto, e lo dico senza nessun intento polemico verso gli odierni genitore 1 e genitore 2, di indicare una bambina come miglior amico.

A proposito di amici, mi ha colpito molto un’intervista di qualche tempo fa al bravo attore Michael Caine che, alla ragguardevole età di ottanta anni, affermava di essersi soffermato a contare i suoi amici ed averne elencati precisamente undici. Lo diceva in occasione della presentazione del film Youth-La giovinezza di Paolo Sorrentino, film che ho visionato con curiosità ma che al momento ricorderei solo per il nudo di una Madalina Diana Ghenea statuaria, prova provata che Dio esiste. Dicevo dei Caine’s friends, dunque, e ammettendo pure che data l’età avanzata siano quelli rimasti, è comunque un buon numero: chi lasciare fuori? Magari aspettando un po’ il problema si sarebbe risolto da se.

Sarà che essere sempre coerenti con se stessi è un po’ noioso, o che ultimamente sto perdendo capelli, vista e memoria e dunque non vorrei che qualche maleficio abbia attecchito, ma per una volta ho deciso di non interrompere l’ennesima catena propostami. L’ho fatto coscientemente, perché nell’invito c’era scritto chiaramente, come un contratto, che mettendo “mi piace” avrei dovuto assoggettarmi a delle clausole. Le quali erano: a) dover copiare il post, che riguardava la settimana della ricerca sul cancro dei bambini, sul proprio diario nel Librofaccia: un modo di sensibilizzare divertente e fantasioso; e b) cambiare il proprio profilo per almeno un giorno con un personaggio dei cartoni animati, assegnato da chi ha proposto l’invito.

Tutto bello, e non costa niente. Purtroppo mi sono stati assegnati dei personaggi di cui sapevo ancora meno di mantra e mandala, cioè Holly e Benji; lo so che qualcuno si chiederà dove io viva, scuserete ma sono rimasto un po’ indietro: mio figlio ormai non mi vuole più al cinema insieme per vedere i cartoni animati. Quindi ho deciso unilateralmente di cambiare personaggio e di assegnarmene uno più consono alla mia età ed esperienza: Pedrito El Drito.

Come chi è Pedrito ed Drito? Non provateci… ma come, davvero non lo sapete? Va bene, allora ve lo racconterò alla prossima puntata.

(64. continua)

locandinapg1-990x1344

Annunci

15 pensieri su “Pedrito el Drito

  1. Non apprezzo i film di Sorrentino, ci ho provato ma proprio non li apprezzo. Viceversa apprezzo certi corpi statuari.
    Su Pedrito conosco di sfuggita solo per passioni storiche.
    La tua riflessione sui mandala potrebbe pure essere veritiera!

    Liked by 1 persona

  2. Ciao, arrivo qua da un angolo della terra dove i film di sorrentino sono esaltati da tutti e quindi dirti che io sono la voce fuori dal coro mi sembra doveroso. Infatti ho visto la Grande Bellezza ma non ne sono rimasta per niente felice. Inoltre quella mostra di corpi statuari e di bellezza banale mi è sembrata proprio una cosa ridicola. Il tema del film era interessante ma lo stile è proprio da taverna. Infatti è stato amato e premiato, come tanti altri film banali e prevedibili.
    Ti stimo, senza esser tra i tuoi amici, per la tua non sottomissione ai “download” di vari giochini e anche alle regole delle catene. Per perdere del tempo prezioso esistono già molte corbellerie e ci mancavano pure queste!

    Liked by 1 persona

    • Ciao, mi ero ripromesso di andarla a vedere, la grande bellezza, ma dopo Youth me ne è passata la voglia. Secondo me Sorrentino vuol trasmettere un pò troppi messaggi, e dopo un pò ci si stufa… però non si sa mai, il protagonista mi piace molto… per i giochini cara Amleta, come diceva Danny Groove in Arma Letale (credo) sono troppo vecchio per queste cazzate! E non ho tempo che, come dici giustamente, è troppo prezioso. Sto seriamente considerando di uscire anche da FB, perché alla fine occupa uno spazio che si potrebbe destinare per una miglior causa. Anche a pisolare. A presto, Giorgio

      Liked by 1 persona

      • Bel pensiero quello di uscire da facebook! Stai pensando una bella cosa che farà bene alla tua vita. Io sono uscita tampo fa da tutti i social e devo dirti che non mi mancano affatto, anzi, ho recuperato molto tempo e lo dedico a cose più utili. Fai bene ad averlo pensato e credimi non ti perdi nulla se esci dai social.

        Mi piace

  3. Conosco e penso di aver visto entrambi i cartoni ma sinceramente la carta d’identità dice che… per Pedrito el Drito forse sono un po’ giovane mentre per Holly e Benji sono un po’ vecchio ( o almeno all’epoca mi ritenevo già “grande” per certi cartoni)… Diciamo che mi posiziono nel mezzo e se dovessi scegliere avrei il dubbio fra “Nick Carter” e “Dastardly, Muttley e le macchine volanti”

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...