Il fratello grande

Quello di fratello maggiore è un mestiere impegnativo. Vi si accede senza meriti particolari, ma non tutti possono intraprenderlo; il requisito indispensabile credo lo sappiate è quello, tra almeno due fratelli, di essere nato per primo. In tempi civili ad esso era riservato il patrimonio della famiglia, mentre i cadetti venivano mandati a fare i militari e le sorelle le monache; a dire la verità ho appreso recentemente che i punici usavano immolare i loro primogeniti a non so quale divinità, al che nonostante l’ ammirazione per Annibale di cui vi ho già parlato mi sono sinceramente rallegrato per la vittoria dei Romani. Non mi è ben chiaro se il sacrificio rappresentasse un estremo segno di devozione oppure si tendesse ad una selezione eugenetica del tipo “va bè, questo è venuto così così, la volta prossima vedremo di fare meglio”.

Il fratello maggiore viene sottoposto ad una educazione particolare. Finché rimane solo, e la condizione può durare solo qualche mese nel qual caso non può essere apprezzata appieno oppure qualche annetto ed allora si avrà tempo di crogiolarvisi, è ricoperto da ogni sorta di attenzioni. Genitori, nonni, zii, sono tutti per lui: figurarsi poi quando è anche il primo nipote. AI miei tempi comunque si era molto più sobri di adesso, persino nelle effusioni: difficilmente avreste visto nonni o babbi baciare nipoti e figli maschi, se non in partenza o di ritorno da un viaggio. Poi, quando il bambino si è convinto di essere al centro del mondo, arriva la domanda: “Non ti piacerebbe avere un fratellino (/sorellina)?”.

A proposito di centro del mondo, i moderni sistemi educativi non mi convincono. Una volta la prima cosa che si insegnava ai bambini era che, quando parlavano i grandi, bisognava stare zitti. E che, quando si riceveva un ordine, bisognava eseguirlo senza indugi. La domanda “perché?” non aveva bisogno di ricevere spiegazioni che partissero dalla teoria della relatività o dal big bang. La risposta era: “perché si” o “perché no” e se si insisteva sull’argomento lo si faceva a proprio rischio e pericolo. Insomma, i bambini erano trattati da bambini; provo una sensazione di disagio quando al ristorante genitori affannati cercano di inculcare al loro pargolo urlante le proprietà benefiche dei cavolfiori: o gli prendete le patatine fritte e la finite lì, o se proprio volete prendergli i cavolfiori non cercate di convincerlo, un “mangia e zitto” basta e avanza.

Lì per lì la domanda fratellino vs. sorellina sembrerebbe innocua, ma lascia sempre frastornato il ricevente. Innanzitutto fratellino o sorellina non è che siano proprio la stessa cosa. Pur non avendo ben presenti le differenze anatomiche, intuivo che a breve termine con l’uno avrei potuto giocare a pallone o ai cowboys, mentre con l’altra sarei finito a pettinare le bambole; la bilancia sembrava quindi pendere verso il primo, ma d’altro canto avevo anche un bellissimo bambolotto, del quale non ricordo il nome ma solo che quando traslocammo nelle nuove case popolari me ne rimase solo la testa, per cui condividerne la pettinatura non mi avrebbe pesato più di tanto.

In realtà, bisognava essere pronti a tutto. Non c’erano le ecografie a svelare anzitempo il sesso del nascituro; ci si basava su forma o altezza della pancia, o la posizione della luna durante il concepimento: previsioni basate su rilevazioni empiriche e soggette ad elevati margini di errore.

Così, un bel giorno, divenni il fratello maggiore, o grande come si dice da noi, di mia sorella. Che era bellissima, e non parlo a vanvera ma ci sono prove fotografiche che lo dimostrano. Secondo mia zia Emanuelita (omaggio di nonno Gaetano a Vittorio Emanuele III imperatore d’Etiopia nonché Re di Italia e Albania) si sarebbe dovuta chiamare Maria Stella; alla lunga credo che Cinzia sia stato più appropriato.

Iniziò così la mia carriera di fratello grande che si impennò nei seguenti cinque anni, quando arrivarono a distanza più o meno regolare altri due pargoletti. Mi sembra istruttivo, per i futuri fratelli maggiori, dare alcune indicazioni sul come poter minare la fiducia che i minori ripongono in loro in modo da liberarsi da ogni responsabilità; ed è ciò che farò nel prossimo racconto ma avvertendovi fin d’ora che io ci ho provato, ma finora non ci sono riuscito.

(58. continua)

WP_20150801_10_48_35_Pro

Annunci

14 pensieri su “Il fratello grande

  1. Ah quindi sei il ”fratellone”, il maggiore. Dico la verità, da altri post l’avevo un pò capito.. E ne vuoi sapere un’altra?. Anch’io sono ”primogenita”. Con mio fratello , che ha due anni meno di me , giocavo spesso d’inverno, dentro casa, a madre e figlio. Lui preferiva giocare ai cowboys ma io lo ricattavo facendogli anche mangiare come miglior cibo che cucinavo allora, un pò di terra ,affermando che altrimenti non avrei mai indossato i panni di Calamity Jane. ( per dire un cowboy femmina). Una volta ccc’era molta più fantasia di oggi mio caro Giorgio. Un forte abbraccio serale. Isabella

    Liked by 1 persona

  2. Io trovo sensato trattare i bambini da persone, con i loro limiti: rispondere “e’ cosi'” (“perche’ di si'” lo trovo ignorante nel modo, la sostanza e’ la stessa) alle cose che non possono ancora capire, spiegare un motivo semplice per quelle che possono capire (o meglio un fine: “mangia cosi’ hai energia per gicare”, invece di “mangia perche’ sei troppo magro”: al bambino interessa l’obiettivo, non la causa). Eviterei di porre loro domande per cose che non possono scegliere: “ti piacerebbe un fratellino/una sorellina?” e’ irrilevante, visto che la scelta non st ala bambino, “vorresti mangiare il cavolfiore?” per tentare di convincerlo e’ una presa in giro, allora e’ meglio “devi mangiare il cavolfiore”, che non e’ un gran che, ma almeno da’ voce al pensiero della mamma (“voglio che tu lo mangi”) e non sa di presa in giro come la domanda retorica”non vorresti mangiare il cavolfiore che ti fa tanto bene?” (il senso dell’umorismo e delle finezze della diualettica arriva con l’adolescenza, in alcune persone non arriva mai…)

    Mi piace

    • Il problema è a monte; io già a stento li porterei al ristorante, dove si annoiano e dopo poco tendono a rompere le scatole. Ma se li porto al ristorante per fargli mangiare i cavolfiori sono un sadico, è inutile e patetico poi cercare di convincerlo. Sul “è così perché si” è molto comodo e va usato appena prima della sculacciata. Così la prossima volta per non prendere la sculacciata non si fa più domande inopportune.

      Mi piace

      • Io ho portato mio figlio al ristorante dal quando aveva 9 giorni, lo tenevo al collo nel portenfant; scelgo ristoranti dove non mi annoio nemmeno io e dove c’e spazio per i bambini (NON a scorrazzare tra i tavoli) e dove non si aspettano le ore tra una portata e l’altra (da’ i nervi a me prima che a lui). Mangiare i cavolfiori e’ una punizione anche per me 😉
        Io punirei il genitore che infligge il cavolfiore.

        Liked by 1 persona

        • Brava, esatto! Punire i genitori! Io confesso che mio figlio quand’era piccolino l’ho portato poco, mi sembrava di infliggergli una tortura; ho sempre ammirato i giovani genitori del nord europa che scarrozzavano i figli dappertutto e senza fargli rompere l’anima agli altri, come capita invece nei nostri ristoranti quando c’è una coppia con bambini! Che se gli dici qualcosa si offendono per lesa maestà: ma insomma, un pò di pazienza, sono bambini! Ma io mica con loro ce l’ho, è con chi dovrebbe educarli e non lo fa che ce l’ho! 🙂

          Mi piace

          • In Austria e Germania in tutti i ristoranti, uffici pubblici, banche, studio del medico specialista, etc. c’e’ l’angolo con i giochi per i bambini: i bambini disegnano o giocano, mentre i genitori stanno in fila, parlano all’addetto. In Italia,, le rare volte che sono andata con mio figlio, gli italiani mi hanno detto “si vede la tua impostazione educativa teutonica”, quando a me sembrava solo di impartire delle grandi ovvieta’: prima finisci di mangiare e poi ti alzi, qui si sta seduti, la’ si puo’ correre… una volta in visita ad un plastico ferroviario in Italia, ho chiesto all’addetto se potevo seder emio figlio (allora 4di 4 anni) sullo sgabello. Mi ha risposto come se avesse visto un miracolo, che lo sgabello ERA per i bambini, al mio sguardo interrogativo mi ha spiegato che i genitori (italiani) siedono i bambini sulla ringhiera di protezione, con i piedi a penzoloni dentro il plastico 😕

            Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...